Alessandro Da Rold
Portineria Milano
10 Giugno Giu 2013 1626 10 giugno 2013

Bossi a Brugherio non porta voti. La Lega perde. E male

Ci ha provato fino all'ultimo Umberto Bossi, l'ex leader della Lega Nord. Si è presentato a Brugherio giovedì scorso, in piazza, per smuovere qualche voto a favore del leghista Maurizio Ronchi, il primo cittadino uscente. A fare da contorno c'erano le polemiche per la leadership del Carroccio in mano a Roberto Maroni. Ma alla fine non sono servite a niente le telecamere e i giornali accorsi per capire le beghe interne a via Bellerio. Il vecchio Capo ha chiesto uno sforzo ai militanti, ma i voti non sono arrivati in questa cittadina alle porte di Milano dove gli elettori sono più di 26mila. Per i leghisti è un bagno di sangue. Marco Antonio Troiano del centrosinistra vince con il 71% dei voti, mentre Ronchi è al 28%. La Lega al primo turno aveva preso 773 voti, pari al 5,54%. Rispetto a quindici giorni fa Troiano passa da 6840 voti a 9082, mentre il centrodestra ne guadagna meno di 600, passando da 2857 a 3571. Pensare che alle precedenti elezioni la Lega ne prese 3mila, con Ronchi al 50,7%. A Brugherio si segnala poi lo scarto più alto tra centrodestra e centrosinistra a queste amministrative: un disastro insomma.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook