Piccolo Spazio Vitale
10 Giugno Giu 2013 0855 10 giugno 2013

Il Club della mutanda

Le mutande vanno portate.
Se le hanno inventate c'è un motivo. C'è un motivo anche se ne hanno inventate di tanti tipi, un po' per accontentare tutte. Ok vi spiego il preludio altrimenti tutto questo non ha senso.
In uno dei miei momenti perditempo su Instagram (e ci sarà modo di parlare anche di questo, devo sfogare le mie frustrazioni instagrammiane dovute a covi di blogger che fanno le stesse cose), ho incrociato questa foto della mia adorata Robilandia.

Letto? Bene.
Non fa una piega.

Siccome si vedono allora non le mettiamo, togliamo il problema al principio. Togliamo le mutande che è una cosa molto fine, tra l'altro.

Dite che il principio si applica anche ad altro? Che ne so, parigine, se mettete un cardigan e sotto una maglietta che fa difetto uscite in reggiseno e cardigan e togliete la maglia? Troppo astruso cercare qualcosa che non faccia difetto?

Che poi, dev'essere di una comodità unica mettere dei pantaloni attillati senza slip/mutande-della-nonna/perizoma/brasiliana; per non parlare del fattore igienico. Ne parliamo?
No meglio non parlarne.

Sappiamo che i francesi, a livello di igiene personale, hanno un diverso concetto rispetto a noi. Ciao Bidet, ciao.
Niente Bidet, niente mutande. Si e poi? Non comprate neanche il sapone a questo punto ed eliminate anche le docce...che tanto.

Per leggere il post completo, clicca qui.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook