Cristina Coglitore
La creatività in carcere
10 Giugno Giu 2013 0931 10 giugno 2013

Non è un rifiuto!

Al motto di Fai la differenza i detenuti del Pagliarelli di Palermo fanno la raccolta differenziata in carcere per creare nuovi posti di lavoro.
Finora il conferimento in discarica dei rifiuti non differenziati prodotti all’interno del Pagliarelli e dell’Ucciardone costa più di 1 milione di euro l’anno.
L’iniziativa ha coinvolto 50 detenuti in esecuzione penale esterna in attività di formazione pratica e avviamento al lavoro. La seconda fase del progetto prevede la costituzione di una cooperativa sociale di tipo B che operi nel settore dell’erogazione di servizi di raccolta differenziata, conferimento e gestione dei rifiuti, attraverso la combinazione tra la consulenza dei professionisti incaricati come tutor di impresa, i consulenti, gli esperti e le competenze acquisite dai beneficiari nella precedente fase formativa (come già avviene a Vibo Valentia dove sono coinvolti da 6 a 15 detenuti).

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook