Marco Sarti
Camera con vista
19 Giugno Giu 2013 1613 19 giugno 2013

Il 9 luglio la Giunta decide sull’ineleggibilità di Berlusconi

La giunta per le elezioni e le immunità parlamentari del Senato affronterà il caso di Silvio Berlusconi il prossimo 9 luglio. Non manca molto. Nel giro di poco tempo il Cavaliere potrebbe essere dichiarato ineleggibile. Nella giornata in cui si attendono con ansia notizie dalla Consulta - chiamata a decidere sul legittimo impedimento dell’ex premier nel processo Mediaset - il leader del Pdl deve affrontare una nuova grana. 

La storia è nota. Secondo una legge vecchia di più di cinquant’anni, non sarebbero considerati eleggibili «coloro che in proprio o in qualità di rappresentanti legali di società o di imprese private risultino vincolati con lo Stato per contratti di opere o di somministrazioni oppure per concessioni o autorizzazioni amministrative di notevole entità economica». Insomma, secondo alcuni il Cavaliere non potrebbe sedere in Parlamento in quanto proprietario di Mediaset. Nel centrodestra - e non solo - in molti dissentono. Se anche l’interpretazione della legge fosse corretta, come è possibile che dal 1994 a oggi nessuno abbia sollevato alcun dubbio? 

Intanto la querelle va avanti. E i tempi si accorciano. Poco fa l’ufficio di presidenza della giunta ha presentato il calendario dei lavori. Martedì prossimo la giunta dovrà approvare la decisione. A seguire si valuteranno i ricorsi, regione per regione. Per quanto riguarda Berlusconi - risultato eletto in più circoscrizioni - si dovrà attendere il turno del Molise. La regione per cui il Cavaliere ha optato. Il presidente Dario Stefano (Sel) conferma: «Puntiamo intanto ad occuparci delle regioni che non hanno problemi, perché le istruttorie sono completate, il conteggio è concluso e non ci sono ricorsi». Dovrebbe bastare una seduta.

Poi si proseguirà con l’istruttoria sulle nove regioni oggetto di ricorso. Solo allora ci si concentrerà sul Molise e Silvio Berlusconi. «Ora una data per esaminare i ricorsi sull’ineleggibilità di Berlusconi c’è ed è il 9 luglio - conferma il capogruppo grillino in Giunta Michele Giarrusso - Vedremo se la faranno slittare». Mistero sul parlamentare che farà da relatore alla spinosa vicenda. Una responsabilità che forse parecchi senatori preferirebbero evitare. 

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook