Gianluca Melillo
ItaliAmo
19 Giugno Giu 2013 1019 19 giugno 2013

In Sicilia viaggi ed escort con i fondi dei disoccupati

La Regione Siciliana aveva stanziato circa 15 milioni di euro per avviare all'apprendistato 1.500 disoccupati, ma solo (!) 18 giovani hanno avuto un contratto. E dove sono finiti i tutti i soldi?

Saranno stati usati per risolvere altri anche più urgenti problemi dei cittadini siciliani, che so infrastrutture, sanità, lotta alla criminalità..? Ed invece, come già sospettavate, assolutamente no! Anzi la quai totalità dei denari è finita nelle tasche di manager e politici, attraverso viaggi, cene, regali e persino escort.

Della serie: ma chi se ne frega di migliaia di giovani disoccupati?! Un vero e proprio schiaffo ai siciliani onesti, che qualche "piccolo" problemino lo vivono e certo non meritano di esser governati da criminali.

Eccolo, l'ultimo scandalo siciliano svelato dalla Procura di Palermo: c'era un gran corruttore al centro di un vero e proprio sistema, ufficialmente solo un anonimo imprenditore nel campo della pubblicità, Faustino Giacchetto.

Era lui ad elargire regali e mazzette a politici e funzionari, per canalizzare quanti più finanziamenti su un ente di formazione, il Ciapi, e per accaparrarsi i più grossi bandi sulla comunicazione della Regione.

Con lui arrestate, altre 16 persone (fra cui la moglie Concetta Argento e la segretaria Stefania Scaduto), accusate a vario titolo di associazione a delinquere e corruzione. A tutti gli arrestati vengono sequestrati beni per un totale di 28 milioni di euro.

Diversi politici risultano poi indagati: nella lista c'è il senatore del Pdl Francesco Scoma, ex assessore al Lavoro, che deve difendersi dall'accusa di corruzione. La Procura chiederà l'autorizzazione al Senato per sequestrargli 26.000 euro, tanto avrebbe ricevuto da Giacchetto sotto forma di viaggi, spese elettorali e biglietti per lo stadio. L'ex presidente dell'Assemblea regionale Francesco Cascio risponde invece di finanziamento illecito dei partiti.


In manette anche l'ultimo presidente del Ciapi, l'avvocato Francesco Riggio, candidato alle regionali con il Pd, l'ex deputato regionale di Fli Luigi Gentile.

Indagati anche gli ex assessori al Lavoro Carmelo Incardona (An) e Santi Formica (Pdl), Nicola Leanza (ex assessore al Lavoro, oggi deputato regionale e fino a qualche settimana fa capogruppo dell'Udc), Gaspare Vitrano (ex deputato regionale del Pd attualmente sotto processo per concussione), Salvino Caputo (ex deputato regionale Pdl, di recente decaduto dall'assemblea regionale siciliana dopo una condanna definitiva per tentato abuso d'ufficio) per corruzione e finanziamento illecito ai partiti.

Insomma non passa giorno senza che i protagonisti di questa "seconda Repubblica" ci facciano rimpiangere quelli della "prima"...

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook