Belfagor
24 Giugno Giu 2013 1543 24 giugno 2013

Islam e mondo arabo, una lezione di metodo

Non è una primavera araba, ma un risveglio arabo: lezione inaugurale
di Robert Fisk alla Journalism Foundation di Tunisi
21 febbraio 2012


Signore e signori, vi ringrazio per essere qui stasera. Vorrei ringraziare la Fondazione giornalismo e Simon Kelner per avermi invitato a parlarvi stasera. La Fondazione, come sapete, si dedica al sostegno del giornalismo libero e indipendente in tutto il mondo. Vorrei anche ringraziare il signor Lebedev, il presidente dei Trustees della Fondazione. Lebedev e suo padre salvato mio giornale - The Independent - l'anno scorso. Senza di lui non ci sarebbe stato L'independent, nessun corrispondente estero e nessun Fisk qui stasera . Lui è il mio capo, quindi mi piacerebbe estendere a lui la mia gratitudine. Grazie Evgeny.
In primo luogo, quando parlo delle recenti rivoluzioni uso l'espressione 'Risveglio arabo'. Non mi piace definirlo un 'primavera araba'. Per me questa frase suona come qualcosa che è stato escogitato a Hollywood. Se teniamo a dargli un nome simile, c'è il pericolo che diventi una 'primavera di sangue'. E per questo motivo preferisco la mia etichetta.
'Il risveglio arabo' è il titolo del grande libro di storia di George Antonius, circa la rivolta araba del 1916. La prima cosa da tenere a mente quando si segnala il risveglio è quello è quello di tenere a mente che l'Egitto non è la Tunisia, Bahrain non è l'Egitto, la Libia non è Bahrein, lo Yemen non è Bahrein e la Siria non è la Libia. Sarebbe incredibile pensare che il risveglio arabo si svolgesse all'interno dei confini coloniali. Ma l'esercito giordano non ha fermato l'opposizione siriana. I tunisini non sono andati in Libia per aiutare gli oppositori di Gheddafi. La maggior parte delle rivoluzioni al momento rimane confinata ai vecchi confini coloniali. Perché? Io di certo non lo so. Forse avete un'idea?
Per me una nazione 'si risveglia'. E mia convinzione che i paesi in cui i sindacati sono potenti prima della rivolta soffrono un minore spargimento di sangue. In Tunisia, ad esempio, si dispone di sindacati forti, che è il caso anche in Egitto. In Egitto, a 140 chilometri a nord del Cairo, si trova la città di Mahalla. Nel 2006 in questo grande, città industriale, piena di fabbriche tessili - un settore molto importante per l'economia egiziana - scoppiò una rivolta nel 2006. La popolazione riunita nella piazza principale, chiamata anche Piazza Tahrir per inciso, utilizzò e-mail e Facebook per organizzarsi. La polizia presto arrivò con gas lacrimogeni e l'ordine fu restaurato, cinque anni prima della rivoluzione egiziana propriamente detta. Cinque anni più tardi, nella fase conclusiva delle proteste in piazza Tahrir al Cairo, gli operai di Mahalla sono venuti a sostenere i loro amici al Cairo.
Nei paesi arabi, dove non esistono i sindacati - o quando ci sono, funzionano semplicemente come "strumenti" del regime - come lo Yemen, Siria, Bahrein e là, ci furono bagni di sangue. Perché? Perché quando i sindacati sono forti, la mobilitazione della gente si è già prodotta prima della rivoluzione.
Così, quando comincia il Risveglio arabo? Personalmente, credo che sia iniziato a Beirut nel 2005, quando oltre un milione di persone si riunì nel centro di Beirut. Dopo un po 'di tempo e una risoluzione delle Nazioni Unite, la loro protesta è stata un successo. Ero in Iran durante la crisi dopo le elezioni che hanno portato Ahmadinejad al potere - voi conoscete molto bene la vicenda - un milione di persone erano nelle strade di Teheran per protestare contro il governo. Quando ho parlato con i manifestanti iraniani e hanno appreso che ero stato a Beirut durante le proteste del 2005, hanno voluto sapere come i libanesi avevano utilizzato le nuove tecnologie di comunicazione per organizzare esattamente lo stesso tipo di protesta.
Si potrebbe sostenere che il risveglio arabo davvero iniziato con la guerra tra gl'inglesi e il popolo egiziano nel 1926, ma per me, e iniziato a Beirut, poi a Tehran, in Tunisia ed in Egitto. Qui in Tunisia il fuoco era acceso dal sig Bouazizi. Questo è ciò che accade dopo 30 o 40 anni di dittatura.
Come è possibile creare una dittatura? Io credo che i dittatori cominciano infantilizzando il loro stesso popolo. Quando le persone diventano troppo pericolose, la polizia li sopprime. Mohammed Husayn Haykal, il grande scrittore egiziano, ha detto che quando un dittatore è al potere, egli incontra un mare di silenzio. Silenzio perché non è in ascolto del popolo.
Che cosa è successo dopo? Dopo 40 anni, tre cose sono successe. In primo luogo, le persone divennero adulti, grazie alle nuove tecnologie dell'informazione. In secondo luogo, molti arabi iniziarono viaggiare di più, spargendosi in Europa, America e oltre. Il terzo mutamento è stato il progresso dell'istruzione. Con questa combinazione di istruzione, tecnologia e viaggi, l'infantilizzazione semplicemente non può continuare. Quando le persone perdono la loro paura, la dittatura muore. E una volta che si perde la paura, semplicemente non si può tornare indietro. Questa è la vittoria degli iraniani oppositori di Ahmadinejad: hanno acquistato la loro dignità e perso la loro paura.
Allora che cosa succede? In Egitto, non vi è attualmente una crisi. Incredibilmente, gli americani ritengono che la Fratellanza Musulmana è il pericolo più grande in Egitto. Ma il pericolo maggiore è di gran lunga l'esercito egiziano.
In Tunisia, dopo 40 anni di dittatura ci fu una rivoluzione 'soft', ma ci sono ancora notevoli problemi per i media: per esempio decreti 115 e 116, e la questione se Ennahda è moderata o no? Qual è il rapporto tra Ennahda e i salafiti? So che ci sono dei problemi. Ma è molto importante ricordare sempre - e ho visto ciò in tutte le proteste che hanno avuto luogo contro i dittatori - che attraverso tutte le proteste nessuno ha mai stato fatto il nome di Osama Bin Laden. Non uno. Questa non è una rivoluzione islamista, questa è una rivoluzione popolare. Le persone si sono sollevate - non gli islamisti.
Ho incontrato Osama Bin Laden in tre occasioni. L'ultima volta che ho fatto è stato prima dell'11 settembre. Ci siamo incontrati in una montagna vicino a un grande campo di addestramento - costruito dalla CIA, ovviamente - e lui ha detto: "Robert, su questo monte abbiamo vinto la guerra contro i sovietici e l'Armata Rossa." Ha continuato: "Ma Robert, prego Dio soprattutto perché ci aiuti a sconfiggere l'America ".
In data 11 settembre, ero su un aereo per l'America e attraverso il sistema cellulare dell'aereo stesso, il mio editore straniero mi ha detto che tre aerei hanno colpito New York, Pennsylvania, e il Pentagono a Washington. Ho pensato, "questo non è un incidente". Perché io viaggio molto. Conoscevo bene l'equipaggio dell'aereo e ho chiesto di parlare con il co-pilota e gli ho raccontato la situazione. Mi ha chiesto se volevo aiutare a scrutare dentro l'aereo per cercare di identificare passeggeri potenzialmente sospetti. Lo abbiamo fatto, e dopo quattro minuti ho avuto una lista di 14 passeggeri sospetti. Lui aveva 15, di cui quattro in business class. Erano tutti musulmani, con rosari e una copia del Corano. Mi avevano guardato con sospetto mentre passavo attraverso l'aereo, ma poi sono stato io a guardarli con sospetto. In due minuti, il buon Robert - Robert evoluto - Robert divenne il razzista. E' stato un effetto immediato, su un aereo, in viaggio per l'America in un solo giorno.
Quando siamo tornati in Europa - abbiamo dovuto fare una inversione a U, siccome gli aerei non potevano più atterrare in America - il mio cellulare ha squillato continuamente: sono stato chiamato da canali televisivi di tutta Europa, con solo due domande: La risposta 'Come?' a questa domanda è semplice: con i coltelli. La seconda domanda è 'Chi?' La risposta di tutti per la domanda era la stessa: 'gli arabi'. Ma la domanda che si sono rifiutati di fare è stata la domanda più importante: 'Perché?' Se c'è un crimine per le strade di Tunisi, la prima domanda che un poliziotto vi porrà è: Allora perché 'nessuno pone la domanda del momento' perché? ' ? Perché fare questa domanda in quel momento avrebbe richiesto un esame di tutto il rapporto tra l'Occidente e il Medio Oriente, l'America e il mondo arabo, l'America e gli israeliani.
Come abbiamo fatto a finire con una stampa che rispecchia semplicemente le versioni ufficiali del governo, piuttosto che una stampa che pone le domande giuste? Vorrei citare alcuni estratti di un articolo del New York Times del 2005 sulla guerra in Iraq. Essi citano le seguenti fonti: "Le autorità americane hanno detto", "i funzionari americani hanno detto", "ha detto un funzionario del dipartimento antiterrorismo del Dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti", "hanno detto i funzionari", "Le autorità americane hanno detto". Poi, a pagina due: "un funzionario americano ha detto", "hanno detto i funzionari" ecc 23 volte in un unico articolo. Questa è la fonte principale della relazione. Perché è necessario fare eco alle parole del potere?
Credo che il rapporto tra la stampa e il governo in America sia parassitario e osmotico. Per esempio, guardate l'attuale corrispondente CNN dalla Casa Bianca (non credo che si dovrebbe guardare la CNN tra l'altro). Dice regolarmente nel suo rapporto "il portavoce della Casa Bianca ha detto ..." Se avete intenzione di segnalare cose di questo tipo allora perché avete bisogno di un giornalista? Perché non può il New York Times smettere di dire: "i funzionari hanno detto ..."? Questa è una questione importante.
Parte del problema sono le scuole di giornalismo in America quando insegnano che il giornalismo imparziale è tutto "rapporti 50-50". L'imparzialità è un bene se si sta riportando su una partita di calcio o di un'inchiesta pubblica in una nuova autostrada. Ma il Medio Oriente non è una partita di calcio - è un bagno di sangue. In questi casi rapporti 50-50 sono insufficienti. Per esempio, se si voleva riferire sulla tratta degli schiavi del 18 ° secolo, pensereste che lo stavate trattando bene se parlavate sia con i capitani delle navi negriere che con gli schiavi? E dopo la seconda guerra mondiale, durante la liberazione dei campi di concentramento, pensate che sarebbe stato giusto fare 'uguale tempo' tra gli ufficiali delle SS e i sopravvissuti ebrei? E in Palestina oggi, in un rapporto sul massacro di Shatila, si dovrebbe dare il 50% di questo articolo di scuse del israeliane e le milizie libanesi - o dovrebbe la maggior parte del focus articolo sui sopravvissuti palestinesi? E una domanda molto importante.
Ci sono una serie di luoghi comuni che sono venuti in dono agli occidentali: "Guerra al Terrore", "il processo di pace", "armi di distruzione di massa", "falchi e colombe", e "oro nero". Il loro utilizzo è contro i principi stessi del giornalismo. Perché? Per esempio, durante le proteste Bahrain due giorni fa, ho letto un rapporto di Reuters. Ora, nei miei rapporti sulla Siria, diciamo sempre nel primo paragrafo "Il regime della minoranza sciita", ma nel rapporto di Reuters ', non vi era alcuna menzione che la maggior parte dei manifestanti erano sciiti e che la minoranza è il governo fatto di sunniti. Non vi era alcuna menzione di questo perché Bahrain è nostro amico, è alleato dell'Occidente. E' la sede della terza più grande flottiglia della Marina americana. E quindi lo accettiamo. Perché?
Una volta ho avuto una lunga conversazione con la famosa giornalista israeliana Amira Hass che scrive per Haaretz. Se non la leggete già adesso dovreste cominciare a leggerla fin da domani. Quattro anni fa ho chiesto: "Qual è la cosa principale che dovremmo fare come corrispondenti esteri? ? Qual è il nostro ruolo primario come i giornalisti? ", ha risposto:" Il nostro dovere è quello di guardare i centri di potere. Non solo fare eco alle parole di chi è al potere, ma a osservarli, soprattutto quando iniziano una guerra con giustificazioni a base di bugie ". Hubert Beuve-Mery, fondatore del quotidiano francese Le Monde, ha dichiarato: "L'oggettività non esiste. È necessario appoggiarsi verso una soggettività 'disinteressata' ". Per me bisogna andare ancora oltre. Per me il nostro dovere è quello di riferire sugli eventi con imparzialità dal punto di vista di coloro che soffrono. Se lo facciamo, allora noi comunichiamo la tragedia del Medio Oriente per il resto del mondo. Se ci basiamo solo sui governi, le fonti ufficiali o i potenti, siamo finiti come giornalisti.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook