Sogni di merito
24 Giugno Giu 2013 1451 24 giugno 2013

Niente condanna per Silvio, è su Scherzi a parte!

E se la Boccassini oggi lo assolvesse a sorpresa? E se di colpo sopra "la legge è uguale per tutti" si calasse lo striscione "scherzi a parte"? All'improvviso partirebbe la musica conviviale del gentil Apicella, entrerebbero le cortigiane ad honorem Minetti, Ruby, Fico, il gatto e la volpe Lele ed Emilio, una cordiale Veronica che rinuncia agli assegni in cambio di una serena vecchiaia vedendo crescere i nipotini. Tutti che si mettono in cerchio, applaudendo e ridendo al suono di un "bravo, bravo!" Silvio avrebbe un infarto e verrebbe eliminato. Invece sarà condannato oggi pomeriggio e perciò noi condannati ad averlo ancora influente nei governi dei prossimi anni, con i suoi Verdini, Cicchito, Santanchè e combricola... O conoscendo le sorprese a cui ci ha abituati e la forza di Silvione da Arcore magari addirittura nuovamente premier. Politicamente è finito da un pezzo, non ha nulla da dire e non ha nemmeno un entourage di eredi carismatici o con contenuti. La maggior parte del suo elettorato non lo voterebbe più. Ma c'è un ma. La sinistra (non tutta) lo vuole continuare a distruggere raccogliendo invece l'esatto opposto, fornendo a questo zombie gli unici motivi per cui fargli prendere voti, consenso e simpatie: i nemici. Twitter @gioviravetta

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook