#ildiscorsodelre
26 Giugno Giu 2013 2223 26 giugno 2013

Cosa dice il Reuters Institute Digital News Report 2013

Mobile, social e in real-time. Vogliamo sempre maggiore accesso alle fonti d'informazione, su qualsiasi dispositivo, in qualsiasi formato e in ogni momento della giornata. Una vera e propria rivoluzione che fa comunque registrare differenze di approccio in giro per il mondo.

Per esempio, Stati Uniti, Francia, Giappone e Brasile sono tra i maggiori consumatori di news digitali. E' quanto emerge dall'ultima ricerca del Reuters Institute per lo studio del giornalismo che ha messo a confronto i modelli di consumo in nove paesi nel mondo (UK, USA, Germania, Francia, Italia, Spagna, Brasile, Giappone e Danimarca) evidenziando le principali differenze culturali nelle modalità di fruizione dell'informazione digitale.

Tra le altre cose è emerso che non tutti i lettori sono disposti a commentare (in Brasile il 38%, negli USA il 21% per arrivare al 7% dei giapponesi). E che i quelli disposti a pagare sarebbero gli adulti tra i 25 e i 34 anni d'età.

Tuttavia cio’ che sta davvero cambiando le abitudini di fruizione è la sempre maggiore diffusione di smartphone e tablet. Negli Stati Uniti, circa il 16% per cento delle persone ha dichiarato di accedere alle notizie da tablet facendo registrare così un incremento del 5% rispetto allo scorso anno; mentre sia in Germania che nel Regno Unito questa percentuale è raddoppiata anno su anno con il Regno Unito passato dall'8% al 16% e la Germania dal 5% al 10%.

QUI il report completo.

Il video con i key findings della ricerca:

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook