Belfagor
29 Giugno Giu 2013 1838 29 giugno 2013

Ritratti di Maria Antonietta

La figura di Maria Antonietta regina di Francia è stata assai controversa. Quando era ancora in vita fu molto odiata. Si pubblicarono su di lei innumerevoli libelli a carattere denigratorio. Certo la regina non aveva immaginato da giovane di avere davanti a sé un futuro di sofferenza e di morte. Fu anche la più ritratta tra le sovrane francesi. E ebbe a che fare con una ritrattista ufficiale che aveva la sua stessa età e la adorava: Elisabeth Vigée Le Brun (1755-1842). Questa sola autrice produsse una trentina di quadri con l'immagine della regina. All'inizio prevaleva nella rappresentazione la solennità e la distanza. Poi ci fu anche un quadro che fece molto discutere, con la regina vestita di una stoffa leggera.

La rappresentazione fu giudicata scandalosa e si rese necessaria un'altra versione dello stesso quadro. Questa. Che rappresentava un ritorno all'immagine più fredda e distante.

Arriviamo così al quadro con il quale si apre il post. E' stato dipinto a memoria. E viene fuori una Maria Antonietta vestita come una signora al tempo della Rivoluzione. Una donna che dopo essere stata regina sembra aver scoperto se stessa in un'altra vita.

Si veda per esempio

Andrea Appiani, Madame Hamelin, 1798

Ugualmente significativo in tal senso è il ritratto di Madame de Staël a opera proprio di Vigée le Brun (ne esiste anche uno simile, e precedente, di Firmin Massot http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Madame_de_Sta%C3%ABl_en_Corinne_1807.jpg).

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook