L'Itabolario
6 Luglio Lug 2013 1638 06 luglio 2013

Speranza

Pare che "speranza" sia una delle parole preferite da papa Francesco ("non lasciamoci rubare la speranza" è uno dei passaggi dell'ultima enciclica sulla fede, come anche della seconda enciclica di Ratzinger). Non è semplice ragionare di un concetto tanto vasto, personale e impalpabile.

Ieri un mio amico commerciante mi faceva notare che, a forza di parlare di crisi dei consumi, la gente smette effettivamente di comprare anche quando ne ha la possibilità. Lo diceva pure Silvio Berlusconi mentre era al Governo. E Berlusconi, tra le pieghe di discorsi semplificati e un po' cialtroneschi, ha sempre avuto una grande capacità di sintonizzarsi con il sentimento degli italiani, spesso degli italiani più poveri.

Se proviamo ad allargare un po' il campo, è tutta una generazione che si definisce nella "perdita della speranza". Siamo i primi a campare peggio dei nostri genitori - questo si sente ripetere - e certamente facciamo fatica a progettare e prefigurare le nostre esistenze. Certo, i nostri nonni e genitori hanno vissuto in contesti molto più poveri, ma avevano la sensazione di progredire, mentre noi abbiamo la percezione di un benessere che va scemando.

A ben vedere, dunque, si tratta proprio di un problema di speranza, come ha colto facilmente Matteo Renzi, assai capace di rivolgersi ai giovani italiani.

Proviamo dunque a schematizzarla, questa perdita di speranza generazionale:

- I soldi sono finiti. Debito pubblico, crisi economica e perdita d'importanza dell'Occidente consegnano all'Italia una prospettiva incerta e un ruolo assai meno strategico rispetto al Dopoguerra.

- Tutto ciò si riflette in un mercato del lavoro che spesso non consente di avanzare, programmare, mettere su famiglia e magari mettere qualcosa da parte per i figli e le proprie passioni.

- Se nel Dopoguerra l'Italia ha vissuto una lunga stagione di lotte e di espansione dei diritti, oggi si ha la sensazione che i diritti tendano a restringersi. Talora la loro difesa si tinge di conservatorismo e testimonia una difficoltà a interpretare una realtà trasformata.

- Il centro del mondo non è più qui. L'Europa è in crisi (e noi più di tutti) e la ricchezza si sposta verso Asia e America. Siamo alla periferia dell'impero, custodi di una ricchezza e di un passato glorioso.

- Il dibattito pubblico non parla che di tagli. Per carità, sacrosanti. Ma certamente non proprio esaltanti, tanto più a paragone di generazioni precedenti che hanno speso tanto. Come sa qualunque imprenditore, è difficile credere veramente in un progetto se si parte dalle sforbiciate che si vogliono fare.

- La rivoluzione tecnologica. Internet è una straordinaria opportunità umana e professionale, ma che ha forti implicazioni culturali e psicologiche. Non è detto che produca più felicità (soprattutto nei cosiddetti "nativi digitali") e certamente rischia di produrre maggiore solitudine.

La politica non può essere ridotta a buona amministrazione (magari ce ne fosse di più!). Per ripartire ci vuole una grande tensione ideale e uno sforzo culturale. Bisogna rompere gli schemi consolidati e non parlare solo di soldi e di soldi che non ci sono. Sembra qualcosa di astratto, invece è la cosa più concreta che c'è.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook