Alessandro Sannini
La nota
15 Luglio Lug 2013 2200 15 luglio 2013

Fondi di Debito : Investire in Minibond

Fino a poco tempo addietro, le società europee hanno preferito soddisfare le rispettive necessità di finanziamento attraverso prestiti contratti direttamente con gli istituti di credito. Questa caratteristica è stata la linea di demarcazione tra il mercato europeo e quello statunitense, molto più votato alla raccolta delle risorse attraverso l’emissione di titoli corporate. La riduzione delle linee di credito concesse dalle banche alle imprese europee sta spingendo le aziende a esplorare nuove fonti di finanziamento. Questo trend sta avvicinando il mercato obbligazionario corporate europeo a quello nordamericano. Alessandro Sannini partner di Kep Consulting dichiara: " Una delle cose, che si evincono da confronti e discussioni di Asset Managers è il problema del Rischio."Il rischio arriva dal non conoscere quello che si sta facendo"citando Warren Buffett. La paura del rischio è quella di chi non è sicuro di conoscerne sufficientemente i modelli operativi. In Italia ci sono aziende con possibilità di crescita e di essere interessanti nei mercati di capitale nei settori del Food , della Meccanica di Precisione , del Vino e dovunque ci sia una storia solida , qualcosa da raccontare e ancora tanta voglia di crescere nonostante tutto. La capacità è quella di un buon match tra collocamento ed abbattimento delle assimettrie informative. Tutto parte dell'emittente ed un buon lavoro di storytelling nella scrittura del documento informativo dell'azienda in cui devono emergere ovviamente gli economics, ma anche il contesto di mercato e i progetti futuri da business plan come internazionalizzazione nonchè la ricerca e sviluppo". aggiunge Sannini : " Per abbattare il rischio, è necessario una visione da operatore di Private Equity cercando eccellenza ,management e capacità di crescita sapendo sopratutto coglierne il modello di business e il mercato"

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook