Lele Rozza
Minima Letteraria
15 Luglio Lug 2013 0932 15 luglio 2013

Ma davvero la CIA ci spia?

Il caso PRISM, siccome è roba difficile di tecnologia diventa il DATAGATE, tutti dicono tutto e il contrario di tutto. Chiediamo un intervento a Pierluigi Perri, avvocato, docente universitario esperto di privacy e sicurezza informatica nonché attualmente negli USA per un semestre di ricerca presso l'Università di Yale, per provare a capirci qualcosa di più.

Avvocato Perri, dal tuo osservatorio privilegiato vedi lo svilupparsi di questo fenomeno da due angolazioni, sei italiano a tutti gli effetti ma puoi seguire quello che succede dai media USA e parlando con le persone. Dalle nostre parti prevale lo stupore e l'indignazione, come vivono gli americano questo caso?
Gli americani lo vivono a loro volta con indignazione, ma esclusivamente per quanto riguarda la parte relativa alla "sorveglianza domestica" messa in essere dalla NSA. Storicamente, infatti, gli Stati Uniti d'America sono sempre stati contrari a forme di controllo dei cittadini, proprio perché queste contrastano con i principi di libertà sui quali questo Paese si vanta di essere stato fondato. Anche i poteri di polizia, qui, sono molto più contenuti rispetto a quelli ai quali siamo abituati noi. Questo, ovviamente, non vuol dire che i criminali qui abbiano maggiori occasioni di farla franca, ma già la semplice richiesta del documento da parte di un appartenente alle forze dell'ordine, che da noi è prassi, qui sarebbe vista come un'indebita ingerenza del governo nella sfera privata del cittadino. Immagina, quindi, cosa si può essere scatenato a seguito delle rivelazioni di Snowden. Non è un caso, infatti, che già diverse organizzazioni a tutela dei diritti civili (EPIC, Privacy International, EFF, EDRi) si siano mosse per chiedere maggiori chiarimenti e maggior tutela per la vita privata dei cittadini. Queste varie associazioni, oltre ad azioni individuali, si sono anche trovate recentemente a un convegno a Washington in occasione del quale hanno stilato un documento chiamato "The Washington Statement", che riassume le preoccupazioni provenienti da entrambi i lati dell'Atlantico. Per chi vuole è pubblico e disponibile a questo URL: http://washingtonstatement.org/
Le rivelazioni della Casa Bianca dicono che queste azioni di intelligence iniziano nel 2007 e non si sono mai interrotte. E' passato molto tempo, a tuo parere perché il caso scoppia proprio adesso?
Guarda, la situazione è molto confusa e il rischio di dire cose inesatte è quindi molto alto. Purtroppo, non è un mistero che programmi di controllo delle comunicazioni dei cittadini siano sempre andati a braccetto con i governi di ogni razza e colore politico. Basti pensare
alla Stasi della ex Germania dell'Est, al famoso Echelon, al progetto di ricerca europeo INDECT, nonché a tutti gli altri sistemi di controllo che stanno man mano venendo allo scoperto a seguito della vicenda PRISM.
Temo che l'amara conclusione sia quella che i governi, in nome della sicurezza nazionale, vogliono avere una backdoor nella vita privata dei cittadini.
Il vero problema, però, è che tutto questo avviene in maniera occulta, senza leggi che stabiliscano modalità, limiti e soprattutto responsabilità. Il famoso esperto di sicurezza informatica Bruce Schneier ha recentemente illustrato in un post sull'Atlantic (http://www.theatlantic.com/politics/archive/2013/05/transparency-and-accountability-dont-hurt-security-theyre-crucial-to-it/275662/) come l'assenza di regole chiare non vada a incrementare la sicurezza bensì a diminuirla, in quanto i rischi dell'abuso di potere o della
impunità per chi commette errori sono molto elevati. In questi casi non bisogna dimenticare che il Governo, inteso come istituzione, è al servizio dei cittadini, e non deve mettere i cittadini in mano ai servizi.
Mark Twain, con una posizione molto "made in USA", sosteneva che il Governo è solo un servo temporaneo dei cittadini, e che la sua funzione è obbedire agli ordini e non emetterli.
Concretamente, per l'uomo della strada, queste azioni cosa comportano? Per semplificare, i miei dati sono stati consultati dall'FBI? Hanno letto le mie e-mail?
Riguardo al "cosa" veniva intercettato, pare che si limitassero ai metadata delle comunicazioni, ossia a tutti quegli elementi esterni al contenuto vero e proprio della comunicazione. Nel caso di una telefonata, ad esempio, metadati possono essere il numero di partenza, il numero chiamato, la data e l'ora della chiamata e la durata della conversazione. Sembrano dati di per sé irrilevanti, ma in realtà possono svelare moltissimo, soprattutto se applicati sui sistemi di comunicazione elettronica come le e-mail e se interfacciati con sistemi di data mining. A tal proposito, un interessante esperimento denominato Immersion è stato messo in piedi dal MIT di Boston. Andando su questo sito https://immersion.media.mit.edu/ e concedendo l'accesso al proprio account Gmail si possono vedere in formato grafico le elaborazioni riguardo la propria rete sociale ricavate esclusivamente dai metadata delle e-mail presenti in casella. Il risultato è sconcertante e preoccupante.
Da uomo di legge, un parere sul concetto di "società del controllo" che si paventa con il diffondersi della rete.
La società del controllo non è un'invenzione della moderna tecnologia. Dall'orecchio di Dionisio fino ai giorni nostri le forme di controllo più o meno occulte hanno sempre fatto parte della nostra storia. La società ipertecnologica e iperconnessa pone problemi legati alle incrementate (e quasi illimitate) capacità computazionali e di storage che vengono messe a disposizione, ormai praticamente gratis. Chi svuota più la propria casella di Gmail? Chi cancella le chat di Facebook? Chi elimina i messaggi di Skype o di WhatsApp? Nessuno, perché è comodo avere questa enorme "macchina del tempo" sempre a portata di dito con la quale recuperare ogni relazione sociale, dagli scambi di e-mail intercorsi per scopi lavorativi ai messaggi di chat per concordare quale film andare a vedere al cinema. Così facendo stiamo perdendo il controllo sulla nostra memoria, e non possiamo certo meravigliarci se i nostri dati siano ormai così facilmente alla mercé di aziende o governi.
Più che gridare allo scandalo, tuttavia, consapevole che il fenomeno è inevitabile e l'utente ineducabile, solleciterei quantomeno l'emanazione di regole chiare su questi temi, in modo da evitare che qualcuno possa fare un uso distorto del potere che tanta informazione dà.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook