Serena Cappelli
Non aprite quelle porte
15 Luglio Lug 2013 1120 15 luglio 2013

Un bacio al giorno toglie il medico di torno

A quanto pare baciarsi non fa bene solo all’umore e all’amore, ma anche alla salute. Evviva, evviva!
Come si legge su Today.it, «pare, infatti, che oltre a coinvolgere ben 29 muscoli facciali, l’azione che determina il bacio abbia anche la capacità di attenuare l'emicrania grazie al rilascio di dopamina ed endorfine, renda più bella la pelle e, addirittura, tenga sotto controllo il colesterolo. Inoltre, risulterebbe essere un toccasana per la circolazione sanguigna e quindi per il cuore, poiché - come spiega l’esperto - "il cervello produce specifici neurotrasmettitori con particolare riferimento agli oppioidi, ai cannabinoidi, alla serotonina e, in parte, anche alla dopamina", che abbassa notevolmente la sensibilità al dolore».

Ma non è finita qui, perché baciarsi riduce anche lo stress e rafforza il sistema immunitario. Insomma, il bacio è un vero e proprio toccasana.
Però niente cose mozzafiato, perché per funzionare come panacea di tutti i mali il bacio deve essere frequente e rilassante.
Ohibò, frequente e rilassante? Un po’ come da adolescenti quando, sul divanetto di una discoteca a caso, si passavano le ore con la lingua in bocca al fortunato di turno?
E quei baci da togliere il fiato? Quelli che ti emozionano, ti fanno tremare le gambe, ti danno i brividi e – per un attimo – ti portano in paradiso?

Niente, quelli non curano, ma sono così belli che ce ne faremo una ragione.
Ricordo il mio primo bacio, una robetta timida sulle labbra di un certo Simone. Ero alle elementari, al mare (ciao papà, evidentemente tua moglie non mi controllava così bene, eh? mamma, ciao anche a te), di sera – forse adesso sto un po’ mitizzando – e fu una cosa tenerissima.

Da allora ne son passati di baci sotto i ponti, di tutte i colori e di tutte le forme. Ho avuto l’impacciato, il pro, il soffocatore, l’estremista. Ho ricevuto (e dato) baci scarsi, baci poco convinti, baci memorabili e baci mozzafiato. Baci ormai dimenticati e baci impossibili da dimenticare. Baci dolci, baci lenti e baci da togliere il respiro.
Ecco, questi baci da togliere il respiro non mettiamoli in un cassetto solo perché siamo diventati adulti.
Non ci faranno venire una pelle di pesca, e va bene, ma ci faranno venire la pelle d’oca e questo, permettetemi, spesso è decisamente più importante.

Piccola nota: eh sì, a volte bisogna essere schifosamente sentimentali. Ma tranquilli, poi passa.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook