Marco Giovanniello
Rotta verso il mercato
18 Luglio Lug 2013 1147 18 luglio 2013

Basta "Kazakistan", si scrive Kazakhstan

Immerso nel ruolo di maestrina dalla penna rossa, mi irrito a leggere e sentire ovunque "Kazakistan", in merito al vergognoso caso dell' espulsione dall' Italia di Alma Shalabayeva e di sua figlia.

Si scrive Kazakhstan e, soprattutto ai giornalisti, basterebbero pochi secondi per controllare la corretta grafia, sul sito ufficiale dell'Ambasciata della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italiana

http://www.embkaz.it/

Già ci dobbiamo chiedere kekazistann' a fare i Ministri degli Interni e degli Esteri, che almeno i media provino a mantenere uno standard qualitativo accettabile.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook