Cosimo Pacciani
La City dei Tartari
19 Luglio Lug 2013 0136 18 luglio 2013

Un Viaggio nella City che cambia 2 - Tube dei desideri

La vita comincia sul Tube o, perlomeno, ne rappresenta una bella fetta, per i londinesi, che siano di lungo corso o appena arrivati. Sotto terra o a livello della strada, la materia vitale al funzionamento della capitale inglese, il capitale umano, viaggia come globuli dentro il sistema venoso. Le pubblicita' appena sopra le barre a cui ci si aggrappa come le scimmie cappuccine del piccolo zoo di Battersea Park raccontano dell'avventura della vita, da cliniche della fertilita', banche del seme, ai gruppi di speed dating, per singles e, di seguito, le reclami di avvocati divorzisti. Il tube ti racconta che esiste sempre una direzione nella vita, che magari accanto non hai le persone giuste, troppo sudate o dai gomiti troppo a punta, ti racconta che, cribbio, come e' che appena ti siedi sulle poltrone di moquette su cui il tuo gessato si adagia su un tappeto di batteri altrui, arriva il momento di scendere o una signora al decimo mese di gravidanza ti chiede il posto. Perche' Londra e' fertile, piena di bambini che viaggiano e giocano nelle carrozze, come se fosse un parco divertimenti. Il mondo entra nel tube, nella sua variabile e densa capacita' genetica. Europa, Asia, Africa, Polinesia, America. il mondo accade ogni mattina e ti parla ancora una volta da altri cartelli pubblicitari, che ti invitano a donare in beneficenza per ogni tipo di causa, o parlare con i cari, per mezzo delle carte telefoniche, dei broadband e di tutte le fibre ottiche del pianeta che, incredibile, sembra siano solo pronte a portare la tua voce attraverso il pianeta. Tu sei il capitale, ti dice il tube. Tu sei il mezzo, il veicolo del sistema attraverso il quale tutto il mondo va avanti, anche geneticamente, anche socialmente. sul tube si legge, ci si prepara al lavoro, so scopre un libro nuovo o cosa andra' di moda nel resto del mondo fra due anni. Ci provano ad omologarti, con i giornali gratis, che filtrano le notizie, provano a distrarti da quel senso e desiderio di nuovo che appartiene a Londra. Alla vita. Ma qui continua a vincere l’io, l’appartenenza ai propri sogni. Anche nelle giornate difficili, sfortunate.

Non e’ il caso in queste settimane. Perlomeno meterologicamente.

Sono giornate radiose di Sole e di estate che si affaccia quasi con ostentazione alle porte della City. Sull’onda dell’ottimismo che solo un cielo sereno sa regalare, il Regno Unito ha ufficializzato le coppie di fatto e quelle gay. Proprio lo stesso giorno, ho fatto una foto, nell’intento di prendere un ragazzo quasi adagiato, come il pensatore di Rodin, su una pila di scatole. Anzi, quasi un Galata morente. I colori vividi, il giallo, il verde, l’ocra ed il blu azzurro. E quel senso di attesa, di riflessione, su una colonna di chissa' quali documenti. Solo sul tube, mentre rivedevo la foto, casa, ho notato le due ragazze, nel lato sinistro, che si tengono per mano, con una dolcezza spietata. Un ragazzo con le scatole, non so se licenziato o in attesa di un trasloco, contenitori di passato ed un momento di ripensamento prima del prossimo salto verso un’opportunita’ e le ragazze, anche loro in attesa di un futuro proprio. Le sbarre sono abbassate, come ad impedire il passaggio, un'ultima pruderie del potere. Ma tutto attorno e’ aperto, spalancato, al sorriso delle possibilita’. Quando qualcuno mi chiedera’ di spiegargli il capitale umano, usero’ questa foto. Il capitale umano, quello che riesci a codificare della tua persona quello che riesci a smuovere attorno a te, per far cambiare le cose. Per svegliarsi il mattino dopo piu’ lucido. Tutta questa umanita’ portata in giro dal Tube, da quella direzione univoca e sotterranea, da un lato all’altro della vita.

"Take stock, my friend, and jump into this random train, into a busload of faith, in you"

J.K. Okker 'The Lou Reed Reader"


SOUNDTRACK

The Church - New Season

www.youtube.com/watch?v=nZE9OLc3jsI‎Frank Turner - We shall not overcome

Frank Turner - We shall not overcome

http://www.youtube.com/watch?v=e3eAk4SvyVk

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook