EuropaVerde
21 Luglio Lug 2013 0947 21 luglio 2013

NO AL MURO CONTRO MURO SUL TUNNEL IN VALSUSA

"Sono ormai anni che la questione del tunnel della Valsusa è uscita dalla discussione razionale e pacifica per diventare una questione dove solo il "muro contro muro" trova spazio sui media e provoca regolari e ondate di agitazione e indignazione per le "violenze" degli uni - parti del Movimento NOTAV più o meno infiltrate da esponenti anarchici o semplicemente "casinari", certamente non accettabili e che non aiutano affatto la soluzione della questione- e degli altri, tra i quali parti di forze dell'ordine incoraggiate ad affrontare con troppa "energia" ogni azione "contro" manifestanti pacifici e non, senza fare grandi distinzioni; prova ne siano recenti manifestazioni in varie parti d'Italia, dove la forza eccessiva della polizia é diventata una costante di cui si parla davvero troppo poco; ultimo caso, lo scandaloso trattamento e comportamento denunciato dalla moglie del dissidente Kazako, Alma Shalabayeva.
Interessante anche l'evoluzione del termine "violenza": ormai viene definita a priori come "violenta" l'azione di sindaci e amministratori che vogliono avvicinarsi a quello che dovrebbe essere semplicemente un "cantiere" e non un fortino in un territorio da anni militarizzato con grande spreco di risorse pubbliche e di sicurezza che potrebbero davvero essere utilizzate altrove. Evoluzione già peraltro osservata in Campania, quando le discariche si sono improvvisamente definite come luoghi di “interesse strategico” e quindi militarizzate. A questo "muro contro muro" fisico corrisponde il "muro contro muro" politico, che il governo delle larghe intese non fa che accentuare, in modo totalmente irrazionale.
E' stata breve l'illusione dei Valsusini, che hanno votato in massa il M5S convinti di trovare un potente alleato alla loro lotta. Potente alleato, certo, ma che con il suo rifiuto di trovare ogni intesa di governo ha reso le sue truppe parlamentari del tutto inservibili per la "lotta" NO TAV. E restituito ai vari Lupi, Letta, Esposito il pallino di una partita che sta assumendo giorno dopo giorno dei contorni sempre più assurdi. Assurdi, perché la Francia di Hollande ha rinviato alle calende greche la realizzazione della sua parte del tunnel. Perché lo stesso governo italiano ha tolto risorse dall'opera (giustamente). Perché l'UE ha trovato un accordo sul bilancio che accorda alle reti trans-europee dei trasporti ed energia molto meno dei 40 miliardi previsti e non può assolutamente assicurare nel periodo 2014-2020 il 40% del finanziamenti del tunnel.
Quindi di che parliamo??? Di un'opera totalmente inutile e comunque, data la situazione economica degli scambi sulla linea "est-ovest" assolutamente non prioritaria nei prossimi decenni, che toglie invece risorse e tempo a opere utili che si potrebbero fare per rafforzare quella stessa linea, dal nodo di Torino al rafforzamento della linea attuale. Con testardaggine e convinzione i Verdi europei insistono, come hanno fatto a Bruxelles e in ogni occasione di dibattito pubblico e di presenza sul territorio della Valsusa, su di un dialogo che metta al centro il merito della questione e rinunci al muro contro muro fisico e politico.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook