Marco Sarti
Camera con vista
26 Luglio Lug 2013 1431 26 luglio 2013

A Montecitorio il primo intervento con colonna sonora

L’intervento in Aula con colonna sonora è un inedito. Una delle tante novità portate in dote dal Movimento Cinque Stelle al Parlamento italiano. È così ieri sera verso le 23 - durante l’interminabile ostruzionismo grillino sul decreto del Fare - il Palazzo si è finalmente aperto alla modernità. Onore e merito al deputato Angelo Tofalo, che ha accompagnato le ultime parole del suo intervento con un riuscitissimo accostamento musicale. «Una piccola sorpresa per ravvivare la situazione dopo circa 48 ore di Aula», come annuncia sul suo sito.

La scena merita davvero. Al termine del suo intervento, il deputato lancia un avvertimento alla Camera: «Il potere democratico, il potere della libertà, i cittadini se lo riprenderanno, se lo riprenderanno, manca poco». Nello stesso momento dal tablet - opportunamente avvicinato al microfono - parte la canzone. Un colpo di genio. Patti Smith inizia a cantare: «People have the power…». Le note della cantante americana si diffondono nella severa Aula parlamentare. La collega seduta a fianco non riesce neppure a trattenere le risate.

Il bello è che persino la presidente della Camera Laura Boldrini sembra apprezzare. «Ma che cosa sta succedendo?» chiede all’inizio, visibilmente smarrita. Poi si accorge della novità: «Ah, c’era anche la colonna sonora? Accidenti, anche gli effetti speciali su questa premonizione. Grazie, andiamo avanti». Il deputato-innovatore nasconde a stento la soddisfazione. «Sono felice che la presidente abbia colto la genuinità del finale» scrive. Esperimento riuscito. Speriamo che faccia presto tendenza. 

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook