I gessetti di Sylos
26 Luglio Lug 2013 0633 26 luglio 2013

Il sole del potere (anche se finto) abbronza in fretta

E' impressionante la velocità con la quale appena ci si avvicina al potere, anche se si tratta di un potere fasullo, per finta, come è quello degli attuali ministri, si acquisisca una faccia di bronzo. Evidentemente al Quirinale ci sarà un solarium speciale, o una "sala delle lampade", adiacente a quella del giuramento, dove passano ministri, vice ministri e sottosegretari non appena sono stati nominati e lì i loro volti vengono abbronzati bene bene. Altrimenti non saremmo in grado di spiegare per esempio il comportamento della Bonino, così sensibile ai diritti umani quando è all'opposizione e c'è semplicemente da far caciara davanti a qualche ambasciata, o fare scioperi della fame, o cose simili, e invece non fa nulla adesso che è ministro degli esteri ed ha assistito a un sopruso nei confronti di una straniera e di sua figlia bambina. Cosa aspetta a dimettersi, visto che non si dimette Alfano? La signora radicale si è giustificata dicendo che le sue dimissioni non servirebbero a riportare indietro gli ostaggi e quindi sarebbero inutili. Una classica teoria da faccia di bronzo. Se così fosse non dovrebbe dimettersi mai nessuno. Non si sarebbe dovuto dimettere Cossiga dopo l'assassinio di Moro, perché l'ostaggio ucciso non sarebbe resuscitato, non si sarebbe dovuto dimettere Lattanzio, perché Kappler non sarebbe per questo tornato in cella, e via discorrendo. Si deve essere ben abbronzato anche il vice ministro Fassina, il quale dopo aver fatto per anni, forse per ordine del partito per coprire l'ala sinistra, la faccia feroce recitando la parte del difensore dei lavoratori e dei contribuenti onesti, adesso è giunto a giustificare gli evasori fiscali perché le tasse sono troppo alte. Caro Fassina, siamo d'accordo che le tasse sono troppo alte ma lei che è un politico al governo ha il dovere di fare in modo di ridurle eliminando per esempio gli sperperi nella spesa pubblica dovuti alla mala gestione e alla corruzione in cui il suo partito ha larga parte, o eliminando le spese inutili come la maggior parte dei cosiddetti costi della politica, e non incitando all'evasione fiscale. Oppure, visto che c'è, escogiti un sistema anche per il lavoratore dipendente e il pensionato, i quali oggi non possono evadere. Indichi una via anche a loro visto che è pieno di idee geniali. Il fatto è che questo governo di larghe intese (si capisce sempre meglio di quali "intese" si tratti) ha confuso ancora di più le diverse storie, facendo della nostra situazione politica una marmellata andata a male, maleodorante, dove ormai si corre a scavalcarsi sempre più a destra anche perché, diciamolo francamente, quelli del Pd soffrono nel loro inconscio di un complesso di inferiorità verso Berlusconi e quindi cercano di imitarlo in tutti i modi. Ma sfugge a costoro che chi la pensa in quel modo preferirà sempre l'originale alla copia posticcia, mentre i propri elettori tradizionali sono sempre più sconcertati e scandalizzati. Ma chissà, forse nei prossimi giorni ci sarà la smentita, tanto i "compagni" nelle sezioni si bevono tutto. Ma ci sarà ancora gente che va nelle sezioni?

Cordialmente. Alla prossima.
G. La Torre

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook