Young & Furious
27 Luglio Lug 2013 1405 27 luglio 2013

Meno spessore di una sigaretta

Il governo Letta non ha deluso le aspettative e si è rivelato “poco incisivo”; non ha fatto nulla di politicamente significativo se non grosse figuracce e precipitosi dietrofront (finanziamento pubblico ai partiti docet). Questo esecutivo non è riuscito ad affrontare nessuno dei problemi che avrebbe dovuto risolvere e che ne hanno giustificato la nascita.

Forse ora siamo davanti a una svolta: ieri in consiglio dei ministri si è litigato furiosamente.
Un’acerrima discussione sul rimpatrio delle kazake?
Forti contrasti sulla riforma della giustizia?
Violente prese di posizione pro o contro il finanziamento ai partiti?
No. Emma Bonino, vecchia leonessa radicale ministro degli esteri, ha dato una regolata al ministro, con portafoglio e senza laurea, della Sanità che vuole vietare il fumo nei veicoli con minori a bordo.
La Bonino essendosi dimenticata della difesa dei diritti umani nel caso Shalabayeva, ora rispolvera un cavallo di battaglia radicale come l’antiproibizionismo. Che sia una norma stupida è palese, ma è indicativo di come il “governo” Letta non sia in grado di affrontare tematiche più complesse.
Speriamo si sveglino, e nel frattempo lascino in pace i fumatori.

Marco Enrico Traverso

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook