Sergio Ragone
Pop corn
30 Luglio Lug 2013 1413 30 luglio 2013

Bravo Renzi, ma a noi serve anche il tuo talento.

Quando liberare il talento e premiare la creatività non è solo uno spot, ma cosa concreta, che diventa azione che interessa tutti.

Con un post su Facebook, Matteo Renzi annuncia una piccola ma vera innovazione per la PA:

Una città come Firenze può ricavare molti soldi dalla creazione di un brand, come hanno fatto alcune realtà urbane nel mondo a partire da New York (avete presente il cuoricino e la scritta NY?). Anziché rivolgersi ai soliti noti o a un'agenzia di comunicazione predefinita, abbiamo scelto una strada originale, che liberi il talento. Tramite Zooppa, una startup cresciuta con H-Farm in Veneto, apriamo il concorso a chiunque voglia provarci, in tutto il mondo. Da qui al 14 ottobre la gara per il brand Firenze è aperta, anzi spalancata, a designer più o meno giovani, grandi studi di professionisti, appassionati, artisti, creativi, sognatori. Nessuno si chiami fuori! L'immagine della Firenze dei prossimi anni sarà scelta attraverso una gara, una gara basata sull'ingegno e sull'innovazione, non sui ricorsi e le carte bollate. Vi va di provarci? Conoscete qualcuno che voglia mettersi in gioco? Provateci! Tutte le informazioni sul sito della Città: www.comune.fi.it

Talento, innovazione, creatività, opportunità per tutti, competizione reale. Un mix perfetto questo proposto dal sindaco di Firenze, che si conferma, anche in questo caso, non solo al passo con i tempi ma pioniere ed anticipatore di tendenze future.

E so già che state pensando a cosa sarebbe stato se....ma non è stato.

Però potrebbe essere, se solo Renzi si decidesse a candidarsi, se il Pd la smettesse di far di tutto per farsi del male, se si liberasse da questo continuo autolesioismo e se permettesse alle sue energie migliori di esprimersi al meglio, invece di soffocarle sul nascere, per il bene dell'Italia e di noi italiani.

Potrebbe, appunto, ma al momento...

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook