Sogni di merito
9 Agosto Ago 2013 1357 09 agosto 2013

La nuova Forza Italia c'è già, è il Tea Party Italia

Mi sono imbattuto in una lettera (fittizia?) provocatoria ma molto simpatica e vera.

In questa missiva si invita il cavalier Berlusconi a fare un passo indietro, non ascoltando più opionionisti e lecchini vari ma, al contrario, di iscriversi al Tea Party Italia nel quale potrà trovare ex elettori disposti a perdonarlo per i suoi fallimenti della tanto promessa rivoluzione liberale.

Essi lo accoglieranno se sarà disposto a partecipare alle loro cene, ascoltando idee e proposte per liberare l'Italia dalle tasse e dalla burocrazia, dalla politica onnipresente e a fare tornare l'amore per il mercato.

Scritta da Nicolò Petrali su L'intraprendente.

Ecco il testo:

"Caro Silvio,

non riusciamo proprio ad abbandonarti, è più forte di noi. Te ne abbiamo dette di tutti i colori, è vero. Perché noi, liberali autentici (che per distinguerci da quelli fasulli di casa nostra preferiamo ormai chiamarci turboliberisti o libertari), siamo stati i più delusi e i più traditi dalle tue esperienze di governo. Eppure, nonostante tutto quello che ci hai fatto, addirittura nonostante le politiche scellerate di quel socialista che hai messo all’economia, vederti in lacrime, deriso e schernito dai nostri avversari politici, ci ha fatto venire voglia di tentare l’ultima inutilità. Spieghiamo.

In questi giorni, editorialisti e giornalisti dei maggiori quotidiani provano a spiegarti che cosa, secondo loro, dovresti o non dovresti fare per reagire alla sentenza Mediaset e tornare al più presto a guidare il centrodestra. A nostro avviso, invece, per la prima volta nel corso della tua lunga parabola politica ma anche umana, sei tu ad avere bisogno degli altri. Ecco perché ti facciamo questa proposta: entra a far parte del Tea Party Italia. Siamo convinti che ci stai cercando da tempo, anche se inconsapevolmente. Quando parli di Forza Italia 2.0, infatti, dici che vorresti un partito autenticamente liberale, leggero, snello e aperto alle migliori energie imprenditoriali e produttive del paese. Ebbene, caro Silvio, fuori dalla politica tutto questo già esiste. E si chiama, per l’appunto, Tea Party Italia. D’accordo, non siamo un partito e non lo saremo mai. La maggior parte di noi preferisce fare politica senza farne parte. Ma questa è una nostra scelta su cui tu puoi legittimamente non concordare. L’invito che ti rivolgiamo è semplicemente quello di entrare a far parte di un gruppo di amici. Il Tea Party è prima di tutto questo. Perché a partire da settembre non inizi a venire ai nostri eventi e alle nostre cene? Saresti circondato da giovani brillanti e non dai soliti parrucconi della politica che sono stati la causa principale del tuo fallimento. Avresti finalmente degli amici veri, che non ti chiederebbero niente in cambio. Nè poltrone, né soldi, né favori di ogni tipo. Degli amici che sono disposti a perdonarti per non aver portato a termine la Rivoluzione Liberale e che guarderebbero solo a quanto di positivo hai fatto per il nostro paese nel ’94.

Tea PartyPoi, chi può dirlo, da cosa nasce cosa. Magari scopri che ti piace stare con noi, che ti piacciono le nostre idee. Magari inizieresti addirittura a girare l’Italia insieme a noi per spiegare alle persone che il livello di tassazione che ci impongono è criminale, che il mercato ha sempre ragione anche quando ha torto e che il sistema Italia in questo modo non può più andare avanti. A quel punto, a furia di frequentarci, diventerebbe naturale per te portare un pò della nostra visione del mondo all’interno della nuova creatura politica che metterai in piedi a breve. E nel caso in cui dovessi tornare a vincere le elezioni, potresti consultarti con noi, chiederci qualche consiglio, perché no. Saremmo amici leali e se ci sarà da criticarti, sai che lo faremo.

Caro Silvio, noi lo sappiamo bene che non sei finito. Per il momento l’immediato futuro del centrodestra dipende ancora da te. Ma questa è davvero la tua ultima chance. Dai un ultimo colpo di coda, chiudi in bellezza. Fai qualcosa di veramente rivoluzionario. Qualcosa che nessuno si aspetta. Entra nel Tea Party Italia e favorisci la circolazione di quelle idee giuste su cui nascerà il centrodestra del futuro. Ciò ne siamo certi, succederà non appena lascerai la scena politica. Ma noi vogliamo offrirti un’ultima possibilità di redenzione. Non ci deludere ancora!

Con affetto".

twitter @gioviravetta

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook