Talentosprecato
NewsBandite
13 Agosto Ago 2013 0318 13 agosto 2013

Muccino su facebook contro RAI e mala informazione

Dalla sua bacheca facebook il regista Gabriele Muccino tuona contro la Rai e il sistema mediatico pubblico che hanno male informato gli Italiani negli ultimi decenni, mettendosi in competizione con la tv privata e berlusconiana, perdendo di "identità, prestigio culturale, coraggio, forza, e del suo dovere di restare neutrale e servizio pubblico senza dover rincorrersi al ribasso con logiche commerciali". La sua è un'invettiva che dal particolare si fa generale e si scaglia contro "berlusconismo", ignoranza, furbizia, rese intellettuali e umane...proponendo una soluzione di carattere radicale: resettare tutto e ricominciare?

CHE È SUCCESSO AGLI ITALIANI? -A farsi miccia alle sue considerazioni sulproblema Italia, sabato scorso, la condivisione di un video che gira da giorni "ma il popolo di Silvio sa perché Berlusconi è stato condannato?", commentato dal regista dell'Ultimo Bacio senza incertezza: "Gli italiani sono così?! Perchè se sono così allora si spiega tutto. E' l'ignoranza che va presa a mazzate"

RESET!-Riprende il discorso il giorno successivo, rincarando la dose in senso propositivo e spiegandosi meglio. Scrive:

Bisogna ripartire da dove tutto questo è iniziato. e non a caso. Dalla corretta, semplice, lineare, oggettiva, INFORMAZIONE. La nostra gente nuota nell'ignoranza. Ci saranno sempre politici truffatori se questi saranno gli italiani chiamati a votarli. Si riprenda il controllo della televisione pubblica e la si conduca come fosse la BBC spiegando agli italiani come stanno le cose. Le forze dell'ordine o il popolo rimuovano chi ostacola questo processo prima che si arrivi a qualcosa di grave e più serio. La gente è esausta e il governo immobile.

E poi continua....

Leggete con attenzione le sue parole, sentite il suo fremito, cercatelo nel flusso ordinato di pensieri, sulla sua bacheca facebook o su questo storify.

Ha ragione? Forse:)

IL MIO COMMENTO?- Questa lettura di PIer Paolo Pasolini da "La religione del mio tempo", egregiamente interpretata da Pier Paolo Capovilla-

Ascoltate con attenzione La Ballata delle Madri

NB. si invita l'autore della questa bellissima foto usata in questo post e in altri siti a palesarsi, così che noi lo si possa ringraziare per lo scatto!

@talentosprecato

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook