Un caffè con me
23 Agosto Ago 2013 1257 23 agosto 2013

Falsi invalidi oltre che parassiti dello stato

E' notizia degli ultimi giorni la scoperta di ennesimi falsi invalidi, a dire il vero ormai non passa settimana che non ne venga scoperto qualcuno.

Sono circa 3600 i falsi invalidi che percepiscono ingiustamente la pensione di invalidità, dall'inizio dell'anno sono stati 12'500 gli interventi eseguiti dalla guardia di finanza, per un danno erariale di circa 1 milione di Euro. Ticket sanitari, percezione di prestazioni sociali agevolate quali assegni per il nucleo familiare, buoni libri e mense scolastiche, agevolazioni per tasse universitarie, etc.: oltre metà dei casi controllati sono risultati irregolari ed i benefici non dovuti perché concessi sulla base di false attestazioni reddituali.

Quello su cui però oggi voglio portare l'attenzione è 1. Chi fornisce documenti? 2. I veri falsi invalidi ci rimettono?

E' notizia di oggi ad esempio che solo a Ragusa sono stati 197 i denunciati, tra cui 74 medici che "creavano" invalidi. Ecco i medici, vogliamo parlarne? Avete mai provato a fare richiesta voi per un invalidità? magari di un vostro famigliare... Ecco sono sempre un po' "stitici" (passatemi il termine) e accorti sul rilasciarvi un qualsivoglia Certificato che attesti un'invalidità, è mai possibile allora che in certe zone del Paese sia più facile? Anzi è mai possibile che in certe zone del paese alcuni medici attestino in FALSO a discapito della società, della collettività, del Paese solo per interessi personali?

Conosco persone realmente invalide, con malattie croniche o cardiache che nonostante la reale certificazione non hanno ottenuto la pensione di invalidità, queste persone sono vittime di coloro, medici e falsi invalidi, che truffano oltre allo stato e all'Inps anche un'intera comunità.

Oltre a rispondere di reato ed a ristituire i soldi indebitamente percepiti per anni dovrebbero risarcire coloro che per causa loro non hanno poturo usufruirne data la moltitudine di richieste.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook