Alessandra di Canossa
Doppio (s)malto
23 Agosto Ago 2013 1100 23 agosto 2013

Instagram, il peggiore nemico delle tue vacanze

La Grecia, il mare blu come solo il mare greco sa essere, il meltemi che non smette mai un attimo di soffiare, le taverne dove mangi feta e pomodori fino allo sfinimento, la gente ospitale nonostante una crisi che si fa sentire pesantemente… insomma, un paese poetico e speciale.

Tutto bellissimo, fino a quando ho scoperto che anche nella più piccola taverna, baretto, stamberga dell'ultima isoletta delle Cicladi, è arrivato il Wi-Fi!!!

E, direte, meglio così, un paese ospitale che fornisce anche il più basilare dei servizi (secondo anche quanto affermato dall'interessato Zuckerberg).


LEGGI ANCHE: Neanche in vacanza riusciamo a staccare da Facebook

A parte il fatto che da questo punto di vista anche l'ultima isoletta è molto più tecnologicamente avanzata di qualunque città italiana, il problema sorge nel momento in cui la gente presente nei suddetti baretti/ristoranti è perennemente attaccata al telefonino.

Chi si parla solo via mail nonostante il destinatario sia seduto di fianco, chi fa check-in su Four Square come se in una giornata facesse più spostamenti di una valvola impazzita, ma il grande nemico delle vere vacanze è Instagram: tutti a mettere le fotografie in tutte le pose, a commentare, a cercare, direi quasi elemosinare, i like quasi fossero più impegnati a fotografare che a vedere.


LEGGI ANCHE: L’amore estivo? Finisce con un ricatto su Facebook

Quindi, insomma, l'estate 2013 non avrà il tormentone canoro, ma ha sicuramente il tormentone web: Instagram! Amato o odiato a seconda se uno lo usa (o abusa) o lo subisce, ma sempre presente.

E, non vi preoccupate, cari utilizzatori di Instagram: anche se non avete avuto abbastanza like in queste settimane, potete riprovarci l'anno prossimo!

Twitter: @Alopi

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook