Gianmaria Tammaro
’O pernacchio
29 Agosto Ago 2013 0701 29 agosto 2013

L'Arte della Felicità a Venezia 70: gioisci Napoli!

È diventato difficile fare colpo al primo lavoro, specialmente se sei napoletano e specialmente se hai da girare un film. Lo sforzo raddoppia quando a) sei anche giovane e b) il tuo film non è un live action, ma un lungometraggio animato. Per Alessandro Rak, regista de L'Arte della Felicità, film d'apertura - e fuori concorso - dalla Settimana della Critica alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia di quest'anno, è andata bene. Anzi, forse - come azzarderebbe a scrivere qualcuno - «troppo bene», e invece io, da napoletano, m'accontento di un stupendamente. Non sono un fan del genere - gli animati italiani non mi sono mai piaciuti granché, lo ammetto - ma in questo caso ho dovuto ricredermi. E attenzione: mi sono ricreduto già dal trailer, appena qualche minuto di scene, di colori, di primi piani, di un Vesuvio lontano e immenso, di un taxi, di voci che si accavallano e rincorrono, e di rumori. È paradossale: ho riconosciuto molto di più Napoli - la mia Napoli - ne L'Arte della Felicità di Alessandro Rak che in qualsiasi altro film abbia visto recentemente ambientato qui, tra vicoli, vicarielli e case sgarrupate. Ha un che di rivoluzionario: una storia potente, che si impone sopra ogni altra cosa. Il protagonista, taxista - per dirla terra terra - e pianista, è Sergio: occhi, orecchie e cuore per lo spettatore. L'ambientazione è, non l'aveste capito, Napoli.

L'Arte della Felicità è una perla - non vado per il sottile su questo - di cui essere fieri. E non lo dico io, ma l'Hollywood Reporter che, giornale di spicco e tabloid di riferimento in tutto il mondo del cinema, ne parla sinceramente, a mente e cuore aperti, raccontandone la storia e sottolineandone la particolarità. «Un film insolitamente per adulti», lo definisce così. Ed effettivamente L'Arte della Felicità, benché classificabile nel filone delle favole moderne, è chiaramente destinato ad un pubblico più maturo: quella che viene raccontata è la Napoli travagliata, la Napoli piena di problemi; la Napoli da cui un po' tutti, alle volte, vorremmo fuggire. Eppure, specie nei colori e nei disegni tavolta estremamente sfuggevoli, c'è comunque la speranza. Il sogno: quello di Sergio che, nel corso del film, diventa pure il nostro.

Twitter: @jan_novantuno

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook