Andrea Porcheddu
L’onesto Jago
2 Settembre Set 2013 0821 02 settembre 2013

Veneto, terra di teatri?

La cosa curiosa, ma ormai consolidata, è che il Veneto sia una terra teatrale. Non tanto per Goldoni, o per le maschere della Commedia dell’Arte, quanto, piuttosto, per una diffusa, pulsante, inquieta capacità creativa e investigativa tutta contemporanea.
Di fatto, dal Veneto sono emersi – e ancora stanno emergendo – alcune tra le più interessanti nuove realtà della scena italiana.
Lo sostengo da tempo, che dalla “periferia dell’impero” stiano arrivando le nuove coscienze critiche teatrali italiane: un teatro fatto di urgenze ineliminabili, di pulsioni immediate. Quasi che la realtà della provincia italiana sia – con le sue eterne contraddizioni – materia fertile per la creazione teatrale. Nel micro-territorio si dipanano quotidiane rivoluzioni, segnali di cambiamento verso società possibili, tracce di un teatro (futuro?) che non esclude un ruolo attivo di attore e spettatore. Nelle piccole comunità si ritracciano forme di attivismo e azione di comprovata efficacia: il lavoro sul territorio – come scambio reciproco di energie – è la nuova frontiera: ipotesi di resistenza alla “biopolitica”, o al “sistema”, a tutti i livelli. Ma incuriosisce che sia proprio in Veneto – la terra per antonomasia che “non ha tempo da perdere”, tutta imprenditori e capannoni – che si imponga il teatro. Se ne è parlato anche al festival B.Motion di Bassano del Grappa, una manifestazione importante e imponente che è di fatto – assieme al Teatro Fondamenta Nuove, e a altre realtà territoriali – uno dei maggiori incubatori di teatro del nord-est. A Bassano si sono dati appuntamento, in particolare, alcuni tra i giovani gruppi che sono stati segnalati, o hanno vinto, il premio Scenario. Il Premio è, in Italia – gli operatori di settore lo sanno bene – uno dei pochi che, a tutti gli effetti, sostiene la nuova creatività, impegnandosi in progetti a tappe che favoriscono la crescita e la circuitazione del nuovo teatro. A Scenario, negli ultimi anni, hanno dunque vinto o ottenuto riconoscimenti il punk e possente lavoro di Babilonia Teatri di Verona; la raffinata e visionaria arte di Anagoor di Castelfranco Veneto; e poi Ilaria Delle Donne con il suo nuovissimo teatro estremo e fisico; l’estetismo concettuale e straniante di Silvia Costa (foto). Ma dal Veneto vengono anche i freschi vincitori dell’edizione Scenario 2013: i fratelli Marta e Diego Dalla Via, che raccontano – con cinismo e ironia – l’altra faccia del miracolo economico veneto, focalizzando la loro ricerca sul microcosmo umano e economico dell’alto vicentino. Ma ancora segnali interessanti (anche extra Scenario) arrivano, comunque, tanto per citarne solo alcuni, dalle inquietudini di Fagarazzi&Zuffellato; dal gruppo performativo Epimorph; dal prodigioso quartetto di Barabao Teatro, una sorta di quartetto Cetra 2.0.
A Bassano, dunque, il rapporto creatività-territorio è stato affrontato come materia di riflessione e possibilità: presenti alla discussione anche il teatro stabile di Innovazione (La Piccionaia di Vicenza) sempre più aperta all’ascolto delle istanze creative delle nuove generazioni; e il teatro Civico di Schio.
Poi, la sera, due spettacoli – proprio i Dalla Via e Silvia Costa – hanno confermato la crescita esponenziale del teatro veneto. Con Mio figlio era come un padre per me i Dalla Via affrontano l’aspro e attuale tema dello scontro generazionale, tra padri imprenditori di successo e figli sperduti in una crescita impossibile. Silvia Costa (con Giacomo Garaffoni) ha presentato Quello che di più grande che l’uomo ha realizzato sulla terra, sorta di miminal, carveriano e concettuale attraversamento di situazioni umane, oscure e folgoranti visioni di squarci di vita possibile raccontate in un clima ossessivo che sembra voler omaggiare il cinema di Lynch.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook