Segrete Stanze
4 Settembre Set 2013 1224 04 settembre 2013

Il “sacrificio” di Bertone

(di J. Vionnay, curè à Dozulè)

C’est curieux! Da una parte abbiamo avuto l’esempio di Papa Ratzinger che ha saputo rinunciare all’unico ruolo “a vita” (che peraltro stava facendo straordinariamente bene), per il bene superiore della Santa Chiesa. Dall’altra parte abbiamo il suo ex segretario di stato Bertone che attribuisce a “corvi e vipere” la responsabilità della perdita della sua posizione cui dimostra di non saper o poter rinunciare.

Io gli avrei suggerito “bon coeur, contre mauvaise fortune” (buon viso a cattivo gioco), come diciamo qui en France. Il bilancio del suo operato ufficiale quale responsabile della funzione ricoperta è positivo, come lui dice? Non lo sappiamo, questi sono stati anni complessi per il mondo e per la Chiesa, sono gli anni della Caritas in Veritate.... Così il bilancio di un uomo così importante nella Chiesa, un uomo della sua responsabilità ,non lo sapranno giudicare giornalisti e scrittori, né tantomeno suoi colleghi, ci tenteranno gli storici, ma dovranno investigare molto e in molti...

Per quanto riguarda invece la sua rettitudine di intenzione è proprio il caso di pensare che lo giudicherà solo il Giudice supremo, se il bilancio è positivo o no. Gli auguriamo che sia vero che lui voleva fare il bene della Chiesa e che, pur con i suoi difetti, ha dato tutto alla Chiesa ed al Papa.

Perché in tal caso era solo l’uomo più sbagliato che si potesse immaginare ad avere tanta responsabilità in questi tempi e con un Papa “gigante” come Benedetto XVI, di cui è riuscito ad offuscare la grandezza. Ma voglio fare una ammissione: io credo sia vero che Bertone volesse fare il bene e non sapesse farlo per tante ragioni. Io gli salvo l’intenzione. Purtroppo però passerà alla storia per una serie di scandali non spiegati, non svelati. Non sappiamo se siano stati investigati e capiti, ma certo non son stati spiegati. Cosa è successo veramente nel caso del numero due del Governatorato, spedito a Washington. Cosa è realmente successo allo Ior e perché il suo presidente è stato sfiduciato, e soprattutto da chi realmente lo è stato. Cosa è realmente successo nell’uscita dei documenti, chi li ha fatti uscire e perché. Bene: ho ricordato solo tre casi che negli Usa avrebbero provocato tre Watergate. Dietro le mura si ha l’impressione che si sia invece riusciti a trasformare le vittime in colpevoli e i colpevoli in vittime. C’est vraiment curieux et mystérieux...  

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook