Carmine Zaccaro
IoVoglioTornare
6 Settembre Set 2013 0933 06 settembre 2013

Fondi università di 17 mln per 1000 studenti italiani

Il ministro dell’istruzione, dell’Università e Ricerca Maria Chiara Carrozza ha firmato il Decreto Ministeriale che prevede lo stanziamento di fondi per gli studenti che si immatricolano all’anno accademico 2013/2014. Previsti 5 mila euro annui a studenti, un totale di fondi pari a 17 milioni di euro.

Per gli studenti meritevoli borse di mobilità pari a 5 mila euro annui; questo quanto si apprende da una nota stampa trasmessa ieri dal MIUR. Per gli studenti meritevoli che si immatricoleranno al prossimo anno accademico in una regione diversa da quella di provenienza, con una votazione di almeno 95/100, conseguito alla maturità, unito ad un requisito economico di fascia medio bassa.

Un totale di 17 milioni di euro per coprire circa 1130 borse se i primi in graduatoria saranno immatricolati a lauree triennali e se la metà si iscriverà a laurea a ciclo unico. Il Ministero stima la copertura di circa 1000 borse.
In seguito alle graduatorie i soldi saranno erogate dal Ministero direttamente nelle casse delle rispettive università, corrisposti poi agli studenti vincitori; stimano un entrata di 15.000 (lauree triennali), 25.000 euro (lauree magistrali a ciclo unico 5 anni) e 30.000 euro (lauree magistrali a ciclo unico di 6 anni); borse che ovviamente saranno erogate solo attraverso il riconoscimento dei crediti, i quali attesteranno l’impegno accademico dei singoli studenti.

Iniziativa fortemente voluta dal Ministero «con l’obiettivo di sostenere, per l’intera durata del corso di studi universitario, gli studenti capaci, meritevoli e privi di mezzi che intendono immatricolarsi nell’anno accademico 2013/14 in Università statali e non statali con esclusione delle Università telematiche»

Gli studenti in possesso dei requisiti possono compilare la domanda on line dal sito http://www.universitaly.it

https://twitter.com/carminezaccaro

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook