The thin line
11 Settembre Set 2013 0728 11 settembre 2013

Quotidiano ottimismo di un precario moderno

(Tratto e riportato da una storia vera)

In una giornata come questa, quando, in concomitanza con il termine di uno stage hanno comunicato gentilmente (a 4 ragazzi) che non li avrebbero più rinnovati (come inizialmente previsto), poichè avevano già raggiunto l'accordo con altri stagisti (a costo 0).

Dopo aver visto la faccia di chi è uscito da quella stanza violentato da ogni speranza…sono arrivato alla conclusione che:

Io credo nella nostra generazione,

Io credo nella nostra solidarietà, credo nella nostra creatività, credo nella nostra invettiva che non morirà mai.

Credo che la nostra cultura rinascerà, che la casta sparirà, che la musica l’arte risplenderanno e renderanno nuovamente questo paese degno del nome che porta.

Credo nella storia…nei corsi e ricorsi storici.

Confido in chi è andato lontano in cerca di un futuro migliore, confido in chi è tornato nel paese d’origine rimboccandosi le mani con i lavori più umili.

Credo in chi si sente senza forze, credo in chi non crede più nella politica, in chi passa le giornate inviando cv e in chi pensa che tutto ciò sia inutile.

Credo in chi ha la fortuna di avere un lavoro e in chi a 30 anni si vergogna nel chiedere soldi a casa per arrivare a fine mese.

Credo in chi si piega sui libri diplomandosi, laureandosi, specializzandosi, formandosi, cercando la sua strada, il suo futuro.

Credo in chi dopo tutto ciò si vede chiudere le porte in faccia e in chi disperato non si piega al ricatto della raccomandazione.

Credo in chi non riesce a dormire la notte per pensare come tirare avanti e in chi si tormenta nel ricordo delle occasioni perdute.

Forse non domani, non dopodomani e nemmeno tra 5 anni avremmo raccolto i frutti dei nostri sacrifici….

Ma sono convinto che un giorno tutti noi ci prenderemo la rivincita contro questo sistema, rispediremo la crisi al mittente e trascriveremo la nostra rabbia in nuove regole che faranno ripartire la nostra nazione.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook