“Micro” pensieri
23 Settembre Set 2013 1016 23 settembre 2013

Da disoccupato a microimprenditore

Finalmente una speranza per chi ha spirito di iniziativa! È entrato recentemente in vigore il decreto che introduce la possibilità di ottenere l’indennità di disoccupazione in un’unica soluzione per coloro che hanno intenzione di dar vita ad una piccola attività imprenditoriale.

In un paese come il nostro, in cui le microimprese rappresentano il cuore dell’attività economica e occupano una buona parte della popolazione, un’iniziativa di questo tipo può offrire nuovi stimoli a chi, perduto il lavoro dipendente, abbia l’ambizione di reinventarsi microimprenditore.
Certo non è una strada facile, ma nemmeno impossibile: per compiere la trasformazione da disoccupato a imprenditore servono capacità tecniche e imprenditoriali e soprattutto una buona idea di impresa, solida e sostenibile e, perché no, innovativa.

Chissà che questa nuova possibilità introdotta dal decreto legge non si tramuti per alcuni disoccupati in una vera e propria opportunità di riscatto, che li porti ad avviare attività di successo seguendo l’esempio di molti prima di loro: Asli con il suo ostello, Manuel con il suo birrificio, Davide con il suo negozio di arredamento, Benedetto con la sua tipografia e tanti altri che si sono lanciati con fantasia e iniziativa nel mondo dell’autoimpiego.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook