Banana Markets
25 Settembre Set 2013 1007 25 settembre 2013

Che significa ”liquidità” per il Monte dei Paschi?

Cosa intendiamo quando diciamo che un asset è «liquido»? Forse che il differenziale denaro-lettera è limitato? Se sì, di quanto? Di 3 o 5 punti base? È solo un esempio delle «10 issues», questioni di lana caprina che il ministero del Tesoro sta negoziando con la Commissione europea nell’ambito dell’iter di appovazione dei Monti bond. Due di queste riguardano anche la definizione – sulla quale non c’è accordo – delle parti di cui si compone la remunerazione del top management di Rocca Salimbeni. Problemi burocratici, dunque, sottovalutati da Alessandro Profumo e Fabrizio Viola, presidente e amministratore delegato di Mps. I quali, senza attendere l’ok della Commissione, hanno convocato per oggi, e poi annullato in extremis, la conference call di presentazione agli analisti del nuovo piano industriale. L’ok definitivo di Bruxelles è atteso a fine mese, ma secondo fonti del Tesoro non è ancora detta l’ultima parola, dal momento che se Almunia ritiene vi siano questioni più importanti da affrontare, il caso Mps potrebbe slittare ancora. D’altronde, è solo la terza banca della terza economia dell’Eurozona. Che fretta c’è. 

Alessandro Profumo e Fabrizio Viola

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook