Massimo Famularo
Apologia di Socrate
28 Settembre Set 2013 1556 28 settembre 2013

Lettera a un precario rappresentativo

Grazie all'amico Fabio trovo su facebook una notizia dal Fattoquotidiano

Cosenza, sindacalista precario intenta causa di lavoro contro la Cgil e viene cacciato

L'articolo si conclude così:

Mi hanno detto che non sono gradito – accusa – perché ho denunciato questa ingiustizia. Chiedo al segretario Susanna Camusso come il sindacato più importante d’Italia possa garantire i lavoratori se non riesce a farlo neanche con i suoi dipendenti?”

Qui link al video. Non so se il segretario Camusso (mi scuseranno i fanatici delle pari-opportunità-solo-a-parole se non dico la segretaria)

Gentile Umberto Macchione, non si stupisca del trattamento ricevuto dal sindacato per il quale ha lavorato, del trattamento ricevuto, del fatto che l'abbiano fatta lavorare senza pagarla e poi l'abbiano messa alla porta non appena ha osato protestare.

Il sindacato non protegge i lavoratori, ma solo alcuni lavoratori, quelli che sono già dentro e che hanno un contratto a tempo indeterminato.

Tutti gli altri sono figli di un dio minore che non interessano nè ai sindacati, nè alle principali forze politiche ( a dire il vero se guardate al punto 6 di questo link qualcuno che si pone il problema del esiste, ma al momento non è in parlamento).

Riflettteteci quando pensate al sindacato come un paladino di qualcosa che non difende, ma anzi in qualche caso come questo non esita a sfruttare e mettere alla porta se si azzarda a protestare.

@massimofamularo

Linkedin

Blog

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook