Luca De Cristofaro
Il labirinto di Cnosso
5 Ottobre Ott 2013 2117 05 ottobre 2013

Il teatro non si tocca

Se Giulio Cavalli è uno 'scassaminchia' come lo etichettò la mafia, allora, dobbiamo cercare un modo per esserlo un po' tutti. Solidarietà a Giulio, al teatro e ad ogni medium che possa costruire una cultura antimafiosa. Anche il teatro oggi è un mezzo in grado di infastidire le mafie. Forse sottovalutato. Di nicchia, ombra della coccolata tv, dell'intramontabile radio e dell'ormai padre di tutti i media: internet.

Uno strumento concreto, se adoperato con ironia. Questa, infatti, è più potente e offensiva di qualsiasi minaccia o arma in mano alla criminalità. E Giulio ha sempre fatto dell'ironia l'ingrediente giusto per sorprendere il pubblico oltrepassando la sfera del savoir faire.

"Parlate della mafia. Parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene". Lo diceva il giudice Paolo Borsellino. Giulio Cavalli, attore lombardo sotto scorta, nel mirino delle 'ndrine, ne parla col teatro, da sempre. E lo continuerà a fare nonostante le continue minacce e l'ultimissimo episodio del ritrovamento di una pistola carica nel suo giardino che ha comportato il rinvio dei due spettacoli tra Napoli e Caserta.

Vai Giulio. Tieni alta la testa e la schiena dritta.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook