Asia Files
13 Ottobre Ott 2013 1531 13 ottobre 2013

Giappone, una vita a 5 ampere

Come milioni di giapponesi, anche Ken'ichi Saito, di professione giornalista, negli ultimi due anni ha visto blackout programmati e un aumento in bolletta. Fatti a cui il Giappone non era più abituato, ma a cui avrebbe dovuto abituarsi in fretta dopo che un terremoto e uno tsunami dalla portata “fuori da ogni previsione” hanno colpito il Nordest del Giappone facendo oltre 18mila vittime e danneggiando severamente la centrale nucleare Numero 1 di Fukushima.

Una scritta che invita i cittadini al risparmio energetico in Hokkaido. Foto credits: japantimes.com

Perciò ha deciso di adottare uno stile di vita votato al risparmio energetico: così ha fissato un limite al proprio consumo mensile di elettricità a 550 watt, o meglio, come scrive lui, “a cinque ampere”. Una scelta contro corrente in uno dei primi paesi al mondo per consumo di energia elettrica. Ma, di certo, dettata dalle contingenze degli ultimi due anni, durante i quali i governi che si sono fin qui succeduti hanno optato per la chiusura per degli oltre 50 impianti nucleari, che fornivano due terzi dell'energia del paese, per sottoporli a stress test, in vista di un futuro devastante terremoto.

«Non sarà più in grado di vivere una vita normale», si sentì dire Saito da un impiegato della Tepco , l'azienda elettrica di Tokyo che fornisce energia a un'area metropolitana di oltre 35 milioni di persone e gestisce, tra scandali e polemiche, la centrale nucleare di Fukushima.

Chi decide di vivere “a 5 ampere” infatti deve gioco forza rinunciare a qualcosa: ad esempio non può fare uso di condizionatori o forni a microonde che usano singolarmente oltre 10 ampere.
Per Saito, poi si è presentato un altro ostacolo: quantificare in yen il proprio proposito. Tepco infatti, spiega il giornalista in un lungo articolo su Asia Japan Watch, il portale in inglese dello Asahi shimbun, non ha previsto una tariffa di base per un contratto da 5 ampere. Tuttavia, in 14 mesi l'uomo ha pagato appena 7,266 yen (poco più di 54 euro) di bolletta, consumando 266 kilowattora, meno di quello che una famiglia media consuma in un mese – circa 290 kilowattora.

Il proposito di Saito ha richiesto però cambiamenti radicali, ma estremamente mirati. Trasferitosi a Tokyo da una città della prefettura di Fukushima, Saito ha traslocato in un danchi, un complesso residenziale di edilizia pubblica, nella zona della Baia di Tokyo, proprio davanti al Pacifico.
La migliore esposizione alla luce solare del suo appartamento gli ha permesso di risparmiare sul riscaldamento e sulle luci in inverno. Ha deciso di rinunciare a tutti gli elettrodomestici tranne due: una tavoletta da wc riscaldata e la lavatrice.

Saito ha poi deciso di acquistare un piccolo camper di seconda mano e di installarvi un pannello solare sul tetto: in questo modo è riuscito ad accumulare energia elettrica da utilizzare per ricaricare la batteria del cellulare o guardare la tv. Con il caldo dell'estate, però, Saito non ha saputo resistere: ha acquistato un frigo con freezer alimentato a energia solare per il camper e un ventilatore elettrico e un piccolo frigo da viaggio da usare in casa per tenere bibite e cibo al fresco. Con il freezer, produceva all'occorrenza il ghiaccio che riutilizzava nel frigo da viaggio di casa.

Da quel momento in avanti, Saito è stato invitato più volte a tenere lezioni sul risparmio energetico e ha aperto le porte di casa sua a quanti volevano imparare dalla sua esperienza. Ora, Saito si è trasferito per lavoro a Nagoya. Ma anche qua ha promesso di continuare nel suo intento di vivere a 5 ampere. Per vivere risparmiando energia non solo è possibile, a differenza di quanto gli preannunciò l'impiegato Tepco; ma, sopratttutto, «è naturale», spiega nell'articolo. «Continuerò [con questo stile di vita]finché vivo».

L'ultimo rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) lo ha messo bene in chiaro: il cambiamento climatico del nostro pianeta è in gran parte risultato delle attività umane. E forse la storia di Saito può diventare una lezione per tutti, non solo in Giappone.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook