Vito Kappa
Kahlunnia
13 Ottobre Ott 2013 1505 13 ottobre 2013

Matteo, non ci siamo: sembri l’onorevole Renzi

Sono deluso. Matteo Renzi è cambiato, parla del nulla. Risponde in maniera vaga e con formule vecchie; non propone soluzioni precise; è contro, ma anche a favore; e poi ha l’aria di chi non ha dubbi di vincere le primarie. Prima non era così. Aveva soluzioni chiare a problemi complessi. Risposte precise a domande generiche. Era figo, prima, Renzi.

Forse le vincerà (le primarie). Forse. Ma questo Renzi è un ritorno alla vecchia politica, non a quell’innovazione che solo un anno fa caratterizzava la sua azione. Lui (Renzi) dice che una sua leadership nel Pd rafforzi il governo di Enrico Letta. Questa, e lo dico col massimo rispetto, è una cavolata. Letta e Renzi sono due prime punte incompatibili. O gioca uno o gioca l’altro. Uno predilige il gioco di squadra. L’altro punta più sull’estro del singolo giocatore. Moduli entrambi rispettabili, per carità.

Ieri a Bari e oggi da Lucia Annunziata, Renzi non dice niente di memorabile. A guardarlo in faccia si ha l’impressione che abbia perso l’aria da sognatore. Peccato! Non c’é nessun nuovo cammino che inizia: la strada é tracciata. Il nuovo Matteo è un leader del compromesso. Un leader logorato da una sintesi impossibile: quella del PD e nel PD. Non uguale al segretario uscente Epifani, ma nemmeno troppo diverso. Il Renzi di adesso è troppo distante da quel politico che alla fine delle scorse primarie diceva piangendo che ne era valsa la pena.

Il nuovo Matteo parla come l’onorevole Renzi. È un capo, ma non un leader. Un dirigente di partito che preferisce il compromesso al cambiamento e al coraggio. Un dirigente a capo di un correntismo debole orientato a minare la stabilità di larghe intese sempre più solide. Tra l’altro, ma questa é la mia opinione, un Renzi di compromesso rischierebbe non solo di perdere le primarie interne per la presidenza del consiglio (che comunque si faranno), ma anche contro un candidato - forse candidata - forte del PdL. Eh sì: che credibilità avrebbe, per l’elettorato tendenzialmente conservatore, il rappresentante unico delle varie anime del Pd? Nessuna.

Non ci siamo, Matteo. Non ci siamo sui contenuti. Non ci siamo sulla forma.


Twitter @vitokappa

Facebook: anche :D

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook