Guapita Tondita
15 Ottobre Ott 2013 1104 15 ottobre 2013

Cosa rompe las pelotas di sti tempi

Quando frequentavo le lezioni in Università ero la macchina da guerra del riassunto. Una riassuntologa efficace e capace di ridurre tomi da trecento pagine in un plico di a malapena venticinque. Era tutto uno schemino fatto di frecce, elenchi puntati, sottolineature con l'evidenziatore -a volte rimarcato con la penna blu o verde-, una tappezzeria di post-it.

In questo momento avrei voglia di un riassunto, cosa che da tempo non faccio perchè per lavoro, invece, "devo allungare il brodo" causa scarsità di particolari.
Un riassunto un po' noiosetto, di quelli che ti fanno grattare la testa mentre lo leggi; un elenco puntato -per non perdere il vizio accademico- in cui sciorinerò tutto ciò che mi sta sulle pelotas in questo momento. Un post rompi ca...pello, ecco.

Mi sono rotta las pelotas di:

Di essere alla rincorsa. Vedere continuamente gente rincorrere un qualcosa, anche di effimero, senza respirare, senza fermarsi a guardare il tempo che passa e godersi in silenzio le piccole cose.
Ho sentito più " Scusa, non ho tempo...alle dieci devo essere a Milano, poi alle 12 ritorno a Pavia, alle 14 sono a Lodi, poi pranzo con una schiacciatina perchè poi devo inviare ventisette e mails, e...ah no no stasera arrivo tardi e mi devo ordinare due californian roll da asporto perchè, uff, non-ho-tempo!" Abbiate il tempo di vivere. Lo dico per voi, e anche un po' per me.

Contiua su Guapita Tondita

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook