IL blog di Malih
18 Ottobre Ott 2013 1151 18 ottobre 2013

Da funerali di Stato a questione logistica

I naufraghi di Lampedusa, dopo le commosse promesse di funerali di stato, hanno via via perso lo status di di vittime da piangere. Da cadaveri ancora caldi andavano bene per dar sfoggio alle buone intenzioni, per disquisizioni sulla Bossi-Fini, per tardive ammissioni di colpa e recriminazioni all'Europa che non aiuta quanto dovrebbe. Ora che sono passati alcuni giorni e l'oblio sta attutendo gli echi della tragedia, ci si attarda a seppelire i morti. I cadaveri sono passati così da vittime che interpellevano le coscienze a problema igienico. Per poi, una volta chiusi nelle bare, fare un ulteriore salto e diventare questione logistica. Casse di legno sollevate con le gru e sistemate nelle navi per un ennesimo viaggio: migranti anche da morti. Carichi scomodi - come i rifiuti tossici - di cui sbarazzarsi rapidamente e senza dare tanto nell'occhio. Forse funerali di stato era troppo per dei poveri disgraziati che per giunta a questo Stato nemmeno appartenevano. Ma un estremo saluto dignitoso vorremmo ancora illuderci sia un diritto garantito a tutti. Sembra invece, come anche l'affare Piebke insegna, che in questo Paese, se si è non graditi, lo si è più da morti che da vivi.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook