THE BLAIR MUM PROJECT: blog di una mamma (e figlia) a Londra
30 Ottobre Ott 2013 1829 30 ottobre 2013

Un altro atto di civilita' di Renzi

E' passata stamani la delibera che regolarizza la sepoltura dei feti: 30 voti a favore, 4 contrari e 7 tra astenuti. A favore il Pd (tranne Francesco Ricci e Claudia Livi, non votanti), Idv e gruppo Noi per Matteo Renzi. Contrari Ornella De Zordo (perUnaltracitta’), Tommaso Grassi (Sel) Marco Semplici e Massimo Sabatini (lista Galli). La delibera regolarizza una prassi in corso da vari decenni, già discussa l'anno scorso ma poi bloccata a causa delle forti tensioni che aveva provocato all’interno della maggioranza. Il riferimento e' al decreto presidenziale in vigore da più di vent’anni che regola la materia: “Ferme restando le previsioni del piano di settore cimiteriale, in riferimento alle sepolture previste di cui all’art.7 del decreto del Presidente della Repubblica del 10/9/1990 e nel rispetto dell’art.50 lett.d, è confermata la prassi consolidata e vengano previste le seguenti dimensioni per gli spazi….”

Ora proprio non capisco, e scusate la mia ottusione, il perche' di tante polemiche. Per dirla in modo semplice semplice, come scrive la Dottoressa Claudia Ravaldi, Fondatrice di CIAOLAPO Onlus (www.ciaolapo.it):

1. gli embrioni non sono feti
2. i feti sono i bambini che vanno dalla 20ma settimana alla 28ma settimana
3. per legge vanno sepolti in fossa comune
4. quella di Trespiano era, ad esempio, improbonibile
5. sono due anni Renzi tenta di regolamentare l'area feti

Trovo che il gesto di Renzi, anche in questo caso, sia assolutamente ammirevole e attento verso quei genitori che hanno vissuto la tragedia della perdita di un figlio. Ma soprattutto, se qualcosa di positivo e' stato fatto, e non da fastidio a nessuno, perche' toglierlo? Perche' lamentarsi? Perche' accanirsi?

Le parole migliori sono queste:
http://www.ciaolapo.it/index.php?option=com_myblog&show=2012-03-15-18-35...

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook