Dietro le quinte
31 Ottobre Ott 2013 2158 31 ottobre 2013

D’Alema torna a Bari ma la sala è vuota

Da giorni si aggira in Puglia per "sponsorizzare" quello che un tempo fu il suo allievo. Anzi l’allievo "prediletto", quello che portò con sé a Palazzo Chigi per redigere i documenti istituzionali, per preparare i "comunicati" da inviare alle redazione, per studiare la "tattica" da Presidente del Consiglio. «È il più migliore», sussurrava il “maestro”, che presto riveleremo. Ma gli anni passano e oggi i ruoli si sono invertiti. Massimo D'Alema, che sarebbe il “maestro", sta dietro le quinte, e con “disinteresse", quanto avrebbe “tempo“ - adora dire - caldeggia l’allievo. L’allievo, che si chiama Gianni Cuperlo - ultimo segretario della Fgci, preparato, divoratore di libro di letteratura - oggi è uno dei protagonisti della campagna congressuale del Partito Democratico. Anzi. È l'avversario per eccellenza del primo cittadino di Firenze, Matteo Renzi, il super favorito alla vittoria finale per la segreteria dei democrat.

Veniamo al dunque. Qualche giorno fa, riferiscono a Linkiesta, in un noto albergo della città di Bari, l’ex Presidente del Consiglio ha partecipazione alla presentazione della candidatura di Gianni Cuperlo. La città, storicamente roccaforte del "dalemismo", di recente a causa dei sommovimenti del sindaco Emiliano ha sposato il verbo di Matteo Renzi. Del resto non è un caso che l'ex rottamotarore avrebbe scelto come location per l'apertura della campagna elettorale proprio Bari. Dicevamo di un noto di albergo di Bari allestito, e "allicchittato" - direbbero in Sicilia - per presentare Gianni Cuperlo, l'allievo prediletto. Ci si aspettava il grande pubblico, di certo non per la presenza di Cuperlo, ma per il ritorno in terra di Bari di Massimo D’Alema. Invece, spiega la fonte de Linkiesta, «la platea era costituita da poche decine di persone». Insomma un vero e proprio flop che avrebbe fatto «irritare» D’Alema. Al punto che lo stesso, a conclusione dei lavori, avrebbe “preferito" disertatare la cena con Cuperlo e i pochi fan del luogo. Sarà per la prossima volta.

Twitter: @GiuseppeFalci

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook