Serena Cappelli
Non aprite quelle porte
4 Novembre Nov 2013 1116 04 novembre 2013

Chi dice donna dice danno: l’effetto camel toe

Sappiamo fin dai tempi antichi che le brave ragazze vanno in paradiso, mentre quelle cattive dappertutto. La domanda che sorge spontanea è però la seguente: ci devono per forza andare con i leggings? E se sì, non si può far qualcosa per scongiurare quell’orribile effetto camel toe?


Sharon & Friends: effetto camel toe

Per i non avvezzi allo slang, dicesi camel toe (o zoccolo di cammello) quell’effetto imbarazzante per cui un indumento aderisce perfettamente alle parti intime di una donna (qui c’è la definizione di Wikipedia, per chi volesse termini più scientifici), tanto che si potrebbe tranquillamente usare la malcapitata come modella per una lezione molto, ma molto dettagliata di anatomia. Per dirla in parole povere, si vede la patata in tutto il suo splendore. Amen.

Stamattina, mentre ero seduta in metrò e cercavo disperatamente di non addormentarmi e sbavettare sulla spalla del vicino, davanti a me si è fermata una giovane di belle speranze in leggings marroncini – colore già di per sé non felicissimo – e giubbotto corto. Niente gonna, niente maglione, niente grembiulino, nemmeno un straccetto per coprire le vergogne. Nemmeno, se devo dirla tutta, una folta pelliccia alla Marina Ripa di Meana dei tempi d’oro ad attutire le “rientranze”, niente di niente. Solo un grande, enorme, gigantesco camel toe. Anatomicamente impeccabile, per carità, ma come la mettiamo col buon gusto?

Perché, ragazza mia, stamattina, uscendo di casa, non ti sei guardata allo specchio, perché? Perché non hai indossato un bel paio di mutandoni di acciaio, che non saranno comodissimi, ma livellano che è un piacere? Perché hai voluto deliziare me e altri fortunati con una puntata inedita di Siamo fatti così? Lasciaci la gioia di scoprirti piano piano nell’intimità dell’alcova, lasciaci un minimo di poesia. I cammelli sono senza dubbio animali affascinanti, ma sei davvero pronta a essere scambiata per uno di loro? Due gobbe non sono facilissime da gestire e portare in giro quintalate di roba sul groppone alla lunga è un po’ stancante.

E poi ricorda una cosa: andare in bicicletta è diventato cool. Vuoi davvero che un hipster dotato di velocipede vintage e occhialini fighi (ma un po’ appannati a causa della pioggia) veda il Grand Canyon tra le tue gambe e ti scambi per un comodo parcheggio?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook