Banana Markets
13 Novembre Nov 2013 1219 13 novembre 2013

Catricalà e quel liberismo con i soldi dei cittadini

Ieri a margine di un convegno il viceministro dello Sviluppo Economico con delega alle Comunicazioni, Antonio Catricalà, ha dichiarato a proposito di Telecom: «Non mi piacciono gli espropri, sono un liberista, ma serve lo scorporo societario con una buona quota in capo alla Cassa depositi e prestiti. È un obiettivo da perseguire, non credo che il governo possa abbandonare questa proposta». La Cassa depositi e prestiti, come molti sanno, è controllata dal ministero dell’Economia e quindi da tutti noi. Per parafrasare l’indimenticato Ricucci, tutti buoni a fare i liberisti con il lato B dei cittadini. Lasciando stare la Cdp, il governo potrebbe per esempio indicare a Telefonica quali e quante risorse allocare per gli investimenti necessari affinché più di una piccola impresa su tre (dato Istat) viaggi a più di 10 mega al secondo. Un deficit di competitività che non si risolve coinvolgendo via Goito, che peraltro non vuole minimamente essere coinvolta.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook