Davide, Alessandro e Andrea
Failcaffè
15 Novembre Nov 2013 1234 15 novembre 2013

Falchetti e non-notizie, ovvero il giornalismo “palle d’acciaio”

Il 13 Novembre, sul Fatto Quotidiano, fulgido esempio di giornalismo da “palle di acciaio” appare un articolo corredato da video interviste, ai “falchetti”, giovanissimi militanti del Pdl.

Le interviste che possono suscitare, a scelta del fruitore, un sorriso di compassione, sgomento, approvazione, o che so io. Dal Fatto, non ci si aspetta il panegirico del berlusconiano, rientra nell’ovvio: è un giornale schierato e non ne fa mistero.

Ciò che lascia sgomenti, però, è la costruzione atta a screditare un’università, la LUISS, ed un ceto sociale, i ricchi.

Una delle poche cose che una società non può tollerare, perché davvero pericoloso, è il pressappochismo da parte di chi svolge una professione importante come quella del giornalista. Un giornalista ha il compito di formare e informare l’opinione pubblica.

Un ruolo così delicato non può essere svolto con cotanta superficialità: credo esista un qualcosa che si chiamadeontologia, che dovrebbe impedire di poggiare le dita sulla tastiera solo per soddisfare l’appetito del lettore, scatenare la propria tifoseria, come si fosse capi ultras. Quell’articolo, superficiale, ideologicamente viziato e falso(come tanti altri), sarà letto e commentato da migliaia di persone, e, magari, influenzerà, se pure non da solo, una parte di loro.

Tutto questo, inoltre, dipingendo una realtà che una persona di comune buon senso non può che trovare artata: i corridoi della LUISS, come in quelli della Bocconi, o di una qualsiasi università pubblica, sono frequentati da studenti con le idee più disparate, più o meno rispettabili, e ridurre TUTTI gli studenti di un’università a schiere di “fedeli” di un leader politico, ignoranti e tendenzialmente manigoldi è un insulto a chi quell’università la frequenta o l’ha frequentata(penso agli amici che sono andati a letto abbracciando un codice civile, a quelli che si alzano di sabato mattina per andare a lezione, a quelli laureati senza fermarsi neppure per un attimo), a chi ci lavora, a chi si aspetta un giornalismo che racconti fatti e non non-notizie, e pure a tutti i contribuenti, che le università, anche se private, le finanzianoE pure ai ricchi, che nessuno solitamente si sogna di difendere, finiti in un sillogismo che lascia alquanto perplessi: ricco = ignorante elettore del pdl = stupido.

Perché poi è facile prendersela con la politica, gli inciuci di palazzo, “sono tutti ladri”, “in questo paese non cambia mai niente”; ma determinati mali hanno radici ben più profonde e complesse, e “complici” decisamente meno esposti ai riflettori. Il cortocircuito politica – giornalismo – opinione pubblica, ad esempio: è comodo avere un capro espiatorio (Pennac ha inventato un personaggio che lo fa di mestiere, per dire), ma è pure fin troppo semplicistico; e se, a.d. 2013, il dibattito pubblico in Italia è di un livello generalmente molto basso, il giornalismo non è affatto esente da responsabilità.

“Non siamo tutti falchetti”.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook