It’s just a ride
15 Novembre Nov 2013 1525 15 novembre 2013

Odio Van Damme perché mi fa apprezzare Enya

Avrei voluto inaugurare questo spazio con qualche spunto interessante sui videogiochi. Che so, una bella carrellata sui titoli che ci aspettano, rispondere all'annosa questione "Mi compro la PS4 o l'Xbox One?" (Così avrei potuto linkare il pezzo a tutti quelli che mi chiedono una risposta), ma poi ci s'è messo di mezzo Van Damme, e tra il video che sto per proporvi (e che magari già conoscete) e una gif animata della scollatura di Jennifer Lawrence (che non vi proporrò) la giornata di ieri mi è scivolta tra le dita.

Ho sempre giudicato Enya un'artista buona per quelle persone che si curano con le erbe officinali, abbracciano gli alberi e ti dicono cose brutte tipo "sai, dovresti disintossicarti da internet", fino ad oggi, finché non ho ammirato la perfezione assoluta di uno degli attori che negli anni '80 contribuì a definire il concetto di action hero, che alla veneranda età di 53 anni, mi pare, fa una spaccata fra due camion che vanno in retromarcia, e che diventa momento di catarsi, gloria e trascendenza.

E non è una finta, se ci fate caso a un certo punto muove il piede per aggiustare la posizione.

La vita è ciò che ti succede mentre fai altri progetti, diceva Lennon.

Ecco d'ora in poi per me la vita sarà ciò che mi succede mentre vedo Van Damme che fa la spaccata fra due camion con Enya di sottofondo, e gli occhi mi diventano lucidi.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook