Cosimo Pacciani
La City dei Tartari
17 Novembre Nov 2013 1308 17 novembre 2013

Effimere - Viaggio nella City che cambia (with the Lucy Show)

The Lucy Show era una sitcom americana degli anni ’60 ispirata dalla storia di una vedova con due figli ed un’amica divorziata che abitavano insieme, in una specie di New York molto stilish e, con gli occhi di oggi, completamente pop. Tutto negli episodi racconta di questa ingenuita’ di una societa’ vista con occhi nuovi e sinceri, nell’America dei Kennedy, appena prima della Summer of Love. Un paese immerso in un ottimismo nel futuro senza precedenti e Lucy Ball, l’eroina senza particolari riferimenti morali se non l’amicizia delle persone, gli affetti morali ed una smodata attrazione per il progresso attraverso la tecnologia (vorspucth durch technik), attraverso i mercati finanziari (nella prima serie si incontra spesso con il gestore del fondo in cui il marito ha lasciato i suoi soldi), attraverso la moda dei suoi abiti stupendi, colorati e moderni ancora oggi, attraversa un frammento del secolo passato.

Pero’, il mondo di Lucy e’ fittizio dall’inizio alla fine, perche’ tutto accade in un teatro di posa californiano. E’ puro concentrato di slapstick, battute, giochi di parole e alcune puntate stupende, come quella del viaggio di Lucy a Londra. Dove Londra nella prima puntata dedicata al viaggio non si vede mai, e’ tutta un’attesa di un arrivo, fra inconvenienti, borse perse, aerei che traballano, incomprensioni e battute ridanciane. Lucy viene dirottata verso New York (!!), sembra non arrivare mai a Londra, con le British Imperial Airlines. Viene preso in giro l’accento cockney degli inglesi dell’aereo, si ironizza su reali e nobili, ma Londra alla fine si  rivela come un archetipo di tradizione e di valori paludati mescolati con la nuova cultura pop, la musica, le minigonne e gli occhiali fluo.

Un po’ il contrario della partenza di Alberto Sordi verso la capitale albionica, con la famiglia che lo saluta dalla terrazza di Ciampino, che e’ invece una fuga da un mondo quasi arcaico e pieno di regole, dalla famiglia soffocante e dalla paura di volare.  Gli stessi anni, quelli di Lucy e di Albertone, due mondi opposti e Londra, la mia Londra amata che cambia ad ogni istante, che, come un opale, cambia di colore e di luminescenza ad ogni piccola variazione della luce (e della storia globale).

Nelle notti di grazia, quando succede di poter camminare, con le temperature basse, ma con i cieli tersi della tramontana inglese, appena sopra il livello che fa accadere il fenomeno del Jack Frost (la galaverna), attraverso la City ed il West End, affiora questo sentimento, di sentirsi sospesi fra un copione, un teatro dell’arte della finanza, ed una necessita’ impellente di compimento, di soddisfazione e di realizzazione non di una carriera, di un ruolo, ma di una vita. La scommessa dei prossimi venti anni e’ quella di rendere possibile questa sensazione di liberta’ minimale ed istantanea a tutti, a partire dalle mie figlie. L’indifferenza di appartenere ad una comunita’, di avere fatto certe scelte piuttosto che altre, sulla base di vedere la societa’ come la vedeva Lucy Ball nella sua sitcom, un mondo dove e’ tutto a posto, anche se a Londra non ci si arrivera’ mai, un mondo dove l’importante e’ andare e crescere nel percorso. Un po’ come le effimere, gli insetti che vivono poche ore, pochi giorni. In fondo, e’ quello che siamo, come diceva un grande inglese, un sogno incastonato fra due sonni.

Penso a tutti i ragazzi italiani che arrivano qui, con cadenza giornaliera, come il mio amico Antonio, che e’ appena giunto, ufficialmente per studiare inglese, ufficiosamente per farsi trasportare dentro un mondo che, per esperienza so, intossica e dona assuefazione. E mi viene da dirgli, vorrei arrivaste come Lucy, non come Albertone. We will keep working on that.

-----------------------------

The Lucy Show e’ anche il nome di una band londinese degli anni Ottanta i quali, dopo due dischi di pop raffinato e colto, scomparvero nelle brume. Consigliatissimi.

The Lucy Show – Lucy goes to London

http://youtu.be/VFwQTk4XZYA

http://youtu.be/BAa8YgUSkvg

The Lucy Show – A Million Things

http://youtu.be/3NTuXcEpJgg

The Lucy Show - Ephemeral

http://youtu.be/GVSSrwcYz1Q

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook