Alessandro Paris
Margini
1 Dicembre Dic 2013 0616 01 dicembre 2013

Twittersofia

Il tentativo, da qualche settimana a questa parte,  di far passare un po’ di filosofia per Twitter si rivela un’operazione in parte naif, dato che al di là di qualche effetto baci-Perugina, non si va.  E in parte di marketing, per sponsorizzare dei libri di un noto giornale (cosa legittima, ci mancherebbe). Probabilmente è il limite del mezzo, ma forse anche la sottostima del valore di pratica che il pensiero filosofico esige. Non credo che il genere letterario «pop-filosofia» vada al di là di un felice brand per vendere i libri degli emuli italiani di Slavoj Zizek. Di molto sopravvalutato, certo, ma che pure suscita la sua dose di simpatia. La filosofia italiana ha la sua eccellenza nella tradizione storico-filosofica. Quando si mette a fare teoresi, e quando non scimmiotta le mode tedesche, parigine o analitiche, ha due canali privilegiati: la tradizione storicistica, e l’eleatismo. Quando invece si prova nella divulgazione, rischia spesso di dissolversi in un effetto a metà tra la filosofia per dame e  il pastiche philosophique.

Ma nel generale sconquasso della «crisi nella crisi» (di sistema economico, e di anime in p(i)ena) forse un po’ di pillole di saggezza potrebbero riattivare un’altra grande scuola: quella di Cicerone e delle Tusculanae Disputationes.  Terapia filosofica per il male di vivere.  Il neo-ellenismo in cui viviamo, con le impressionanti analogie tra l'attualità e il periodo tra il III secolo a.C e il II d. C, la dissoluzione dei poteri nazionali, l'emergere di poteri decentrati e vagamente anonimi, il bisogno di salvezza o almeno rassicurazione  esistenziale, sembrano favorevoli a questa torsione terapeutica 2.0 del logos filosofico. Basteranno  140 battute a evitare l'effetto posta del cuore, o la «carte postale» è il destino dell'epoca?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook