Marco Sarti
Camera con vista
6 Dicembre Dic 2013 1640 06 dicembre 2013

Il presidente della Giunta scrive un libro sulla decadenza del Cav

“La decadenza. Tra atti ufficiali, retroscena e manovre”. Sembra il titolo di un libro di John Grisham, una spy-story in salsa giudiziaria. Invece è l’ultima fatica letteraria di Dario Stefàno. Senatore di Sel, presidente della Giunta delle elezioni di Palazzo Madama e fresco autore di successo.  

Solo una settimana fa Silvio Berlusconi veniva dichiarato decaduto dal Parlamento. A tempo di record ecco uscire il libro che racconta gli ultimi giorni del Cavaliere al Senato. Il primo appuntamento per pubblicizzare il testo è in programma per domenica prossima, quando alla fiera nazionale delle piccola e media editoria "Più libri, più liberi” di Roma, Stefàno presenterà la sua opera al palazzo dei Congressi dell’EUR.

«Le Camere si trovano a fare i conti, per la prima volta, con la Legge Severino - si legge nelle prime anticipazioni - nata con il plauso di tutti i partiti per avere un Parlamento “pulito”, che impone l’incandidabilità e la decadenza dei parlamentari con condanne superiori a due anni. Ma applicare questa norma nell’affaire Berlusconi rischia di trasformarsi da procedura d’ufficio in impresa impossibile». 

Il protagonista della citata mission impossible è ovviamente l’autore. «Dall’osservatorio privilegiato del palcoscenico più rovente - si legge ancora - e con la prospettiva del dietro le quinte, Dario Stefàno, presidente della Giunta, ricostruisce in prima persona e attraverso un’ampia documentazione tutta la vicenda, come in un reportage, svelando i retroscena, gli imprevisti, l’assalto dei media, le pressioni della politica». Qualche capacità di scrittura, fiuto per le opportunità. E la presidenza della commissione parlamentare diventa un imprevisto affare editoriale. 

{C}{C}


Il libro di Dario Stefàno
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook