Roberto Zichittella
Va’ pensiero
16 Dicembre Dic 2013 1205 16 dicembre 2013

Gli splendidi 10 anni di nuova vita del Teatro La Fenice

A dieci anni dalla sua rinascita il Teatro La Fenice gode di splendida salute. E' una bella notizia. Per Venezia, per l'Italia e per la cultura.  Rinata  nel 1792 dalle ceneri del vecchio Teatro San Benedetto, La Fenice, nel cuore del sestiere San Marco, fu nuovamente distrutta da un incendio doloso (due maldestri elettricisti volevano provocare un piccolo danno per non pagare una penale) il 29 gennaio del 1996. Le immagini delle fiamme che, nella notte, divorano la splendida bomboniera della lirica fanno il giro del mondo. Ma, fedele al suo nome, La Fenice risorge dalle ceneri anche questa volta. 

Il nuovo Teatro è già pronto nel dicembre del 2003. Ricostruito, grazie alle foto e ai materiali d'archivio, con un'accuratezza straordinaria. Riapre il 14 dicembre di quell'anno, con un concerto diretto da Riccardo Muti. Ma sono tanti, in quei giorni, i grandi nomi della musica che omaggiano Venezia e il suo Teatro: Christian Thielemann, Myung-Whun Chung, Marcello Viotti, Maris Jansons, Yuri Temirkanov. Un abbarccio a Venezia e una festa per il Teatro ritrovato.

Dieci anni dopo il cartellone del Teatro La Fenice è tra i più ricchi e interessanti della stagione lirica: Aperta il 23 novembre con L'africaine di Meyerbeer, la stagione  ha in calendario opere di  Rossini, Mozart, Verdi (immancabile  Traviata) , Wolf-Ferrari, Puccini, Henze, Stravinskij (The Rake's Progress con regia del geniale Damiano Michieletto). Più i balletti, i concerti sinfonici, quello natalizio nella Basilica di San Marco (il 18 dicembre). Un'offerta  ricchissima e molto varia, con titoli collaudati e nuove proposte, un  esempio raro in un momento così difficile per le istituzioni culturali e musicali del nostro Paese.

Ma a Venezia sanno fare le cose bene. Merito del  sovrintendente Cristiano Chiarot e del raro gioco di squadra da parte delle istituzioni pubbliche e private, insieme agli sponsor. Così la serata del decennale della rinascita è stata trionfalmente celebrata sabato 14 dicembre con un concerto diretto da Lorin Maazel, 83 anni, uno dei grandissimi del podio.  Il francoamericano Maazel, che da ragazzo studiò e si perfezionò al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia, nel 2004 diresse la prima opera messa in scena nel Teatro risorto dalle ceneri. Era "La Traviata". Sabato scorso Maazel ha guidato l'orchestra e il coro della Fenice nell'esecuzione della  Nona Sinfonia di Beethoven.  Poche volte l'Inno alla Gioa che chiude la Sinfonia è risuonato così opportuno dentro un Teatro.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook