Sic et simpliciter
20 Dicembre Dic 2013 1411 20 dicembre 2013

2013, le migliori peggiori frasi dei politici

di @fra_siciliano

IUS MIGRANDI. «Ma come – dice la forzistissima deputata Gabriella Giammanco – un pluriomicida va in permesso ed evade e Berlusconi non può neanche andare ad un vertice europeo?». 

ADDIO ALLE ARMI. «Angelino, torna con noi, portami la testa di Letta e ti candido premier» dice Berlusconi al suo ex delfino. 

GLI INTOCCABILI. Il neo-segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, è perentorio: «Chi tocca uno dei nostri politici deve aver paura. Vi veniamo a prendere a casa!». 

MUTATIS MUTANDIS. E in perfetto Lega-style Salvini continua: «Ci rompono i coglioni sui mutandoni di Cota. Ma ingoiateveli 'sti mutandoni!». Bossi docet!

ADDA VENI' BUFFONE. Renzi nel suo primo discorso da segretario sfida Grillo: «Noi rinunciamo ai rimborsi e tu ti impegni sulle riforme. Se non ci stai sei un buffone».

PICCOLE INVIDIE CRESCONO. Il cittadino-onorevole grillino Di Battista, per tutta risposta, dà il suo personalissimo “benvenuto” a Renzi: un «sindachello assenteista che fa ricatti mafiosi, ladro e pure condannato». 

BENVENUTI AL NORD. «Il problema è come riuscire ad arrivare all’indipendenza  - dice lo sconfitto Senatúr Umberto Bossi -. Dobbiamo imparare a compiere gesti clamorosi, come fanno in Catalogna. Ad esempio creare una catena umana, mano nella mano». Insomma, tutti Lega-ti.

CAOS CALMO. «Anche io mi sento un ribelle». Piero Fassino dixit.

EUROCIDIO. «L'Euro è un crimine contro l'umanità» dice l'eurodeputato Matteo Salvini (nonché segretario della Lega Nord).

ARMIAMOCI E PARTITE. «I forconi? Sono la nostra gente» dice in coro il gruppo parlamentare di Forza Italia dagli scranni di Montecitorio.

MANGINO BRIOCHES. «Letta mangia il Panettone mentre gli italiani non hanno neanche il pane». Lo dice Maria Elisabetta Alberti Casellati, senatrice forzista e pidiellina ininterrottamente dal 1994. 

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook