Scrivi con me un libro al giorno
3 Gennaio Gen 2014 0451 03 gennaio 2014

Ci mancava zio Giovannino con il figlio (il cugino Conrad): ho interrotto il diario TOMMY WINKLEY

Ci mancava zio Giovannino con il figlio (il cugino Conrad): ho interrotto il diario TOMMY WINKLEY

E' andata così. Torno da Bromley Mountain il 27 mattina e vado direttamente in ufficio per incontrare gli ostili coreani, sempre difficili e diffidenti per altro. Risolvo il problema (non per niente ho fatto il corso di coreano l'anno scorso) e rilassato e ignaro... torno a casa MIA. Altro che. Già svoltando da Sheridan road e inoltrandomi nl mio giardino, mi arriva l'odore inconfondibile dek ragù del cugino Conrad, ma non basta, oltre che l'odore del ragù sento anche la voce gracchiante e quanto mai italiana dello “zì Giovannino”, il padre di Conrad. “DIOMIO”, mi dico disperato. Lascio la macchina in mezzo al prato e mi precipito all'interno, dove vedo, in cucina, i tre italo parenti, cugino Conrad, zì Giovannino e cugina Vallerya, intenti a preparare la “pasta al ragù”, spruzzando sugo di pomodoro su tutto il ripiano del piano cottura della mia cucina, impreparata a queste orde barbariche. “Ma che fate che fate che fate” mi metto a urlare, mentre loro mi stritolano in un triplice abbraccio. Insomma, siamo al 2 gennaio, notte fonda e qui è “little Italy”, con il bastardo di un Dick, riemerso da tutti i suoi guai più vispo che mai e John che ormai parla uno slang italo americano da far paura. Meno male che almeno Paul, spaventato da tanto rumore, se n'è andato. Tommy Winkley

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook