In viaggio con Tancredi
3 Gennaio Gen 2014 0934 03 gennaio 2014

Cimitero

Un pupazzetto di Batman tra le lapidi, non credo ci sia mai andato. Non almeno tra quelle lapidi in cui è scritto con lettere di ferro il nome degli avi siciliani di Tancredi. Che poi sono anche i miei.

Il 25 dicembre, invece, seduto ai piedi del piccolo altare della cappella di famiglia, Tancredi è rimasto a giocare, come se niente fosse, con il suo Batman tra le mani, con l’atteggiamento sereno e disinvolto che i grandi lì dentro non hanno quasi mai. Un po’ per tristezza, un po’ per paura.

Mano nella mano con un altro mini uomo di tre anni - suo cugino – ha percorso il viale di cipressi e visto foto di persone che non incontrerà mai, guardato fiori e piccole luci messi lì a far compagnia a chi c’era e non c’è più. Un cimitero, Tancredi ancora non sa cos’è e a cosa serve, ma l’istinto lo ha guidato a stare in silenzio. Con gli occhi sorridenti, ma in silenzio. 

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook